A- A+
Milano
Strage al tribunale, parla Giardiello: "Con la pistola attraverso il metal detector"

Claudio Giardiello, autore della strage al tribunale di Milano dello scorso 9 aprile, ha per la prima volta parlato davanti al procuratore capo di Brescia Tommaso Buonanno, e al sostituto Isabella Samek Ludovic. "Ha ripercorso tutta la sua vicenda spiegando di essere entrato via San Barnaba, dall'entrata con i metal detector, con la sua pistola addosso", ha confermato alla fine dell'interrogatorio il suo legale, l'avvocato Andrea Dondè. "Ha avuto delle difficoltà, si è dovuto interrompere, ma ha risposto a tutte le domande compreso il tragitto fatto all'interno del tribunale".  Giardiello avrebbe chiesto scusa per ciò che ha fatto: "Lui voleva farla finita quel giorno".

Tags:
claudio giardiellostrage del tribunaleandrea dondè






A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.