A- A+
Milano
Strage di Samarate, Nicolò Maja: "A mio padre la pena che merita"

Strage di Samarate, Nicolò Maja: "A mio padre la pena che merita"

"Spero che la giustizia faccia il suo corso e gli venga data la pena che merita". Così Nicolò Maja parlando oggi in Tribunale a Busto Arsizio (Varese) con i cronisti a margine della richiesta di condanna all'ergastolo per suo padre Alessandro, che ha ucciso la moglie e la figlia e gravemente ferito il figlio.

L'incapacità di intendere e di volere? Maja: "Non ci credo"

L'incapacità di intendere e di volere? "Non ci credo", ha affermato. "Era lucido". Poi lo sguardo incrociato una sola volta con il padre durante l'udienza: "Mi sono venute in mente la mamma e mia sorella". Nicolò, oggi in carrozzina, si è dovuto sottoporre a una serie di interventi chirurgici. "Sto meglio", ha assicurato, mostrando l'espansore che gli hanno posizionato sotto il cuoio capelluto.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alessandro majameritapenastrage samarate







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.