A- A+
Milano
Studente caduto in gita: nessuno lo ha spinto
domenico maurantonio

Nessuno ha spinto giù Domenico Maurantonio, con lui non c'erano altre persone al momento del tragico volo dello scorso 10 maggio. Lo studente padovano 19enne, in visita ad Expo con la classe, ha perso la vita all'hotel "Da Vinci" di Bruzzano per una banale, drammatica caduta. Questo il responso dei tre consulenti tecnici incaricati dalla Procura, il tossicologo Luca Sironi, il genetista Marzio Capra e il medico legale Giulio Giovannetti. Cosa sia successo quella mattina non si saprà mai con esattezza, dunque. Restano le prove di quanto accaduto prima, con una serata all'insegna dell'alcool con i compagni di classe. Quindi, tutti in camera alle 5. Ma Domenico ad un certo punto si è alzato ed ha lasciato la stanza per un attacco di dissenteria, non causato tuttavia da lassativi e non frutto di goliardate. Non ha mai raggiunto il bagno: sue tracce fecali sono state trovate sul pavimento. Poi ha aperto la finestra ed è salito sul davanzale. Ed è volato giù, stringendo a se maglietta e calzoncini.
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
domenico maurantonio






A2A
A2A
i blog di affari
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro
Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
CasaebottegaJalisse
Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.