A- A+
Milano
Studente morto in gita, l'appello dei genitori: "Veri amici devono parlare"
domenico maurantonio

Un appello lanciato davanti alle telecamere di "Uno Mattina", con la voce rotta dal pianto e dal dolore. Antonia Comin e Bruno Maurantonio, i genitori di Domenico, studente padovano di 19 anni morto a Milano il 10 maggio scorso precipitando dal quinto piano dell'hotel in cui si trovava assieme ai propri compagni di classe in gita scolastica, tornano a chiedere verità e giustizia per il figlio. "Nei confronti di Domenico - spiega Antonia - c'è un debito di giustizia e verità, è ora che coscienze si aprano e che si facciano carico di questo debito, assolvendolo senza reticenze. E' qualcosa di dovuto da parte di chi sa, da parte di amici veri". "Nessuno ha visto, nessuno ha visto, nessuno era presente. non è assolutamente possibile. Qualcuno deve parlare", aggiunge il padre.

NUOVE AUDIZIONI PER I COMPAGNI/ Sul fronte delle indagini, la Procura di Milano ha sequestrato i cellulari di alcuni compagni di classe alla ricerca di informazioni utili. E' stato possibile stabilire che risale a un arco di tempo compreso tra le 5 e le 5.30 del 10 maggio l'ultimo 'contatto' col mondo esterno del telefono di Maurantonio. Probabilmente un messaggino, partito da una chat, che testimonia il fatto che in quel momento il ragazzo fosse ancora in vita. Nuove audizioni dei compagni di classe  sono previste nell'ambito dell'inchiesta condotta dal pm di Milano Claudio Gittardi. Nei giorni scorsi erano stati ascoltati i compagni piu' vicini al ragazzo, ora tocchera' a quelli con cui aveva rapporti piu' superficiali. Stamane in Procura a Milano si e' svolta una riunione nell'ufficio del pm per fare il punto sulle indagini alla quale hanno partecipato, oltre a Gittardi, i consulenti nominati dalla Procura e la polizia giudiziaria. Nel corso del vertice, e' stato fatto il punto sugli esami medico legali, tossicologici e genetici disposti dalla Procura per ricostruire la dinamica di quanto e' accaduto durante la notte e le prime ore della mattina precedenti la tragedia. I primi dati significativi potrebbero arrivare la settimana prossima. Pm, consulenti - Giulio Giovannetti, Luca Sironi e Marzio Capra - e polizia giudiziaria, avrebbero deciso di dare la 'precedenza' agli accertamenti tossicologici e medico-legali e avrebbero stabilito quali sono i reperti prelevati durante l'autopsia sul corpo del 19enne su cui si sono concentrate le analisi per avere risultati certi. Resta ancora il dubbio se Domenico abbia ingerito un lassativo o delle droghe e ancora non si sa quanto avesse bevuto nelle ore precedenti alla caduta. Al vaglio degli inquirenti anche gli sms e le chat dei telefonini sequestrati ai ragazzi.

Tags:
domenico maurantonioantonia cominbruno maurantonio






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.