A- A+
Milano
Superlega, una ulteriore complicazione per il futuro di San Siro
Stadio San Siro

Superlega, una ulteriore complicazione per il futuro di San Siro

La rivoluzione Superlega impatta anche sui ragionamenti legati al futuro dello stadio di San Siro.  Intervenendo nella seduta odierna del Consiglio comunale, Franco D’Alfonso del gruppo “Alleanza Civica per Milano” ha chiesto infatti la convocazione della competente commissione consiliare propedeutica ad una successiva riunione del Consiglio che riesamini la questione stadio partendo dalle condizioni di contesto e scenario economico completamente diverse rispetto a quando venne avviato l’iter su impulso delle società di calcio cittadine.

Spiega infatti D'Alfonso: "La notizia che le proprietà di Inter e Milan sono parte attiva dell’iniziativa cd “Superlega “ europea è un ulteriore fattore di complicazione e di scarsa chiarezza per il contestato progetto in itinere secondo la procedura della “legge stadi” : le più che prevedibili controversie legali ed istituzionali per miliardi di euro che contrapporranno le squadre di calcio a organi del governo calcistico nei tribunali internazionali si aggiungono alle già contestate e non ancora chiarite questioni sulla stabilità delle proprietà effettive nei prossimi anni, mettendo in discussione un modello di business già duramente compromesso dalle stagioni calcistiche svoltesi durante la pandemia".

D’Alfonso, ritenendo già impraticabile affidare lo sviluppo di una porzione importante di città  ad una compagine finanziaria ancora ignota con lo schermo di una attività sportiva che peraltro interessa a mala pena il 40 per cento dell’investimento prospettato, ricorda però come non possa essere lasciata cadere la possibilità di costruire intorno alla realizzazione di uno stadio nuovo o ristrutturato, un intervento di rigenerazione e sviluppo territoriale come del resto previsto anche dal Pgt  recentemente approvato.

Questo intervento non può essere delegato totalmente, stante anche il fatto che – dettaglio non proprio secondario – si dovrebbe realizzare  interamente su proprietà demaniali comunali .  Il gruppo AcMilano propone di abbandonare immediatamente la strada della legge sugli stadi, che da quando è stata introdotta ha prodotto solo rendering immaginifici e contenziosi legali, per passare ad una iniziativa comunale che garantisca la regia pubblica per l’intero ciclo di investimento e soprattutto la ricaduta sulla città e sul quartiere degli investimenti stessi. La via proposta è analoga a quella che l’amministrazione comunale adottò nel 2015 per il post Expo, rinunciando all’alienazione inizialmente prevista  dell’area Expo per affidarne gestione sviluppo alla società pubblica Arexpo.  

Si tratta di costituire una Spa di proprietà comunale cui conferire terreni e stadio, vincolando la destinazione degli oneri di urbanizzazione e utili sull’investimento alla rigenerazione del quartiere di edilizia popolare San Siro.  Il partenariato privato verrebbe coinvolto mediante la cessione con bando pubblico  del 49 per cento delle quote e della gestione della società, come previsto dalla legge vigente, mediante la formula dell’aumento di capitale : in questo modo si verrebbe a disporre in tempi rapidi di un veicolo societario con una liquidità più che sufficiente per procedere con i tempi necessari alla ristrutturazione o nuova costruzione dello stadio senza necessità di contestuale edificazione delle volumetrie previste dal Pgt, consentendo al contempo ai privati di ridurre notevolmente l’impegno finanziario e la stessa entità dell’investimento ed al contempo alle squadre di ridefinire le esigenze alla luce del nuovo assetto post covid ( e post supercaos superlega),il tutto  in tempi compatibili con quelli della necessaria ristrutturazione del business calcistico .

L’amministrazione comunale  potrebbe in questo modo disporre di uno strumento di sviluppo territoriale e rigenerazione urbana in grado di gestire con la necessaria flessibilità un intervento che riguarda, per la sola parte stadio e intorno, un’area di quasi un milione di mq, in grado anche di gestire interventi su  terreni ed edifici di edilizia popolare che necessitano di ingenti investimenti per una loro radicale ristrutturazione.

Porteremo all’attenzione del Consiglio questa nostra proposta, ha concluso D’Alfonso, nella consapevolezza che Milano non si può limitare mai a sancire quel che non si può fare, ma sa trovare sempre la via perché da una crisi, da un problema, da un progetto arenato, ne scaturisca un altro migliore, più adatto al tempo nel quale vive e sempre in sintonia con il comune sentire della cittadinanza.

De Chirico (FI): "Inutile fare melina cercando scuse per non decidere"

"Inutile cercare l'ennesima scusa per non decidere sul nuovo stadio. La giunta ha in mano, da febbraio, tutte le carte che aveva richiesto alle squadre meneghine per approfondire il progetto e la solidità economica, anche se le migliori garanzie restano le fideiussioni bancarie. Entro maggio il Comune deve esprimersi su ciò che ha in mano". Così in una nota Alessandro De Chirico, consigliere comunale di Forza Italia, che spiega: "Mai come oggi, dopo la guerriglia di 10 giorni fa, il tema della rigenerazione del quartiere è di stretta attualità. Oltre agli oneri di urbanizzazione che potrebbero essere usati per riqualificare il circondario, il mastodontico investimento parallelo al nuovo impianto sportivo darebbe un contesto differente in cui chi vive ai margini potrebbe cercare una seconda chance. Da febbraio abbiamo richiesto un aggiornamento delle commissioni che si occupano del dossier 'Nuovo stadio'. La scelta di non esprimersi sul nuovo stadio e sull'investimento privato dà la cifra di quanto alla giunta stiano a cuore le sorti di un quartiere così difficile. D'Alfonso dice che il progetto si è arenato per colpa delle squadre che pensano alla 'Superlega europea'. La verità è che Sala ha deciso di non decidere perché il tema dello stadio rischia di far esplodere ancor prima della campagna elettorale la sua coalizione così eterogenea".

Commenti
    Tags:
    superlegastadio san sirofranco d'alfonso
    Loading...









    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Lega, Salvini teme il voto all’estero: “Troppi brogli”
    Giorgia Meloni sul caso Renzi: "Il Copasir si deve occupare di queste cose"
    Matteo Salvini: "Il virus non colpisce dalle 22:01"


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.