A- A+
Milano
Tafazzi for ever. Il Pd sbatte anche nel post-voto

Tafazzi for ever. Non pago di aver preso la seconda storica legnata referendaria il Pd va a sbattere anche nel post voto. Dopo una campagna durante la quale ha sostenuto sia il si al referendum con Giorgio Gori e Beppe Sala che il fantasma della minaccia catalana coi suoi ministri e gli sherpa in attesa di uno strapuntino, il Pd perde il controllo alla vista dei risultati. Perché era chiaro a tutti che col 30 per cento di affluenza Maroni avrebbe portato a casa la pelle, col quasi 40 può cantare vittoria. Un capitombolo per il Pd del Nord spazzato via dalla tempesta neoautonomista della Lega e da una sempreverde Forza Italia (targata Gelmini-Berlusconi). Ora si apre il capitolo regionali e la strada per Maroni è tutta in discesa.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
referendum autonomialo spillino






A2A
A2A
i blog di affari
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
L'OPINIONE di Diego Fusaro
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.