A- A+
Milano
Tangenti su protesi, chiesto rinvio a giudizio per ex primario del Pini
Norberto Confalonieri

Tangenti su protesi, la Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per Confalonieri

 

Tangenti su protesi, la Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio dell'ex primario di ortopedia del Cto-Gaetano Pini di Milano, Norberto Confalonieri, finito agli arresti domiciliari il 23 marzo scorso perche' avrebbe favorito due multinazionali (Johnson&Johnson e B.Braun) nella fornitura di protesi all'ospedale milanese in cambio di soldi e viaggi. Per i pm Eugenio Fusco e Letizia Mannella, il chirurgo avrebbe inoltre provocato lesioni a tre pazienti da lui operati. Era caduta, invece, l'accusa di turbativa d'asta che gli era stata addebitata al momento dell'arresto. Confalonieri, considerato un pioniere nell'ambito della chirurgia robot assistita, era tornato libero a settembre e per lui era stato disposto il divieto di esercitare per 12 mesi sia l'attivita' privata che quella pubblica negli ospedali.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tangenti protesi gaetano pininorberto confalonieri






A2A
A2A
i blog di affari
Parte dal Webinar la difesa dei contribuenti
SERVONO EUROPROGETTISTI, BANDI NEL DIGITALE E PER PROGETTI ECOSOSTENIBILI
Boschiero Cinzia
Green Pass, le manifestazioni pacifiche possono far cedere il regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.