A- A+
Milano
Terrorismo, reclutatore islamico di Brescia espulso dall'Italia

Un reclutatore islamico e' stato espulso e accompagnato a Tirana da personale della polizia di Stato di Brescia. L'uomo, un albanese di 38 anni, era stato arrestato dalla Digos il 25 marzo scorso aveva portato al suo arresto con l'accusa di reclutamento di foreign fighters. L'indagato venerdi' scorso era stato scarcerato dal Tribunale del Riesame, ma e' stato ritenuto "persona socialmente pericolosa" e percio' rimpatriato coattivamente a Tirana. Non potra' accedere nell'area Shenghen per i prossimi 5 anni.

Nell'indagine avviata un anno fa e che la polizia ha chiamato "Balcan Connection" gli e' stato contestato il reato di arruolamento con finalita' di terrorismo internazionale. Per la stessa accusa, la Procura bresciana aveva chiesto e ottenuto l'arresto anche di altre tre persone. L'albanese adesso rimpatriato, in particolare, aveva reclutato un marocchino residente a Vobarno (Brescia), unitosi a combattenti jihadisti in Siria, e di aver tentato di arruolamento nelle file dello Stato islamico un giovane tunisino, naturalizzato italiano. Il tunisino e' stato sottoposto alla misura della sorveglianza speciale da parte del Tribunale di Como.

Tags:
terrorismojihadpolizia di statoislam






A2A
A2A
i blog di affari
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano
Frutta secca: benefici e quando mangiarla
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.