A- A+
Milano
Terrorismo: terzo fermo a Milano. E' un uomo di origine pakistana

Terzo fermo a Milano nell'ambito dell'indagine della Dda di Bari sul terrorismo internazionale e sul favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. In manette il 24enne pakistano Zulfiqar Amjad, residente a Bari con lo status di protezione sussidiaria. L'uomo, bloccato a Milano nei pressi di Porta Romana, è accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Assieme a lui, nel capoluogo pugliese sono stati arrestati due cittadini di nazionalità afghana accusati di terrorismo internazionale.

Tra le immagini trovate nei loro telefonini ci sono foto e video di Bari, Londra e Roma, con il Circo Massimo e il Colosseo. Secondo la Dda, "l'organizzazione predisponeva, mediante la preventiva ispezione dello stato dei luoghi, attentati terroristici presso aeroporti, porti, mezzi delle forze dell'ordine, centri commerciali, alberghi, oltre che altri imprecisati attentati terroristici in Italia e Inghilterra". Restano due i fuggitivi, entrambi afgani e accusati di terrorismo internazionale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
terroristafermomilano






A2A
A2A
i blog di affari
Barbero sempre attaccato da quando si è dichiarato contro il Green Pass
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Zaino sospeso: l'iniziativa continua


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.