A- A+
Milano

Traffico tra Spagna e Milano: droga anche nel carcere di Opera

Un traffico internazionale di droga fra la Spagna e Milano con piazze di spaccio che arrivano a diramarsi fin dentro il carcere milanese di Opera con la complicità di familiari dei detenuti.

Arrestate 30 persone in provincia di Pavia, Varese, Sassari e Catania

È l'esito della maxi operazione coordinata dalla Dda di Milano che oggi ha portato i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano e del locale ROS - Reparto Anticrimine ed il Comando Polizia Penitenziaria presso la Casa di Reclusione di Milano-Opera ad arrestare 30 persone in provincia di Pavia, Varese, Sassari e Catania.

Tra le altre accuse, a vario titolo, anche quella di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti

L'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Milano su richiesta della Dda ha raggiunto 10 persone (8 in carcere e 2 ai domiciliari); altre 8 sono state raggiunte da un decreto di fermo dei pm e infine 12 soggetti (7 in carcere, 3 già detenuti per altra causa  e 2 ai domiciliari) da una seconda ordinanza di custodia cautelare. Sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico – anche internazionale - di stupefacenti, riciclaggio, estorsione, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco, commessi nel territorio lombardo e in Spagna.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carceremilanooperaspagnatraffico droga







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.