A- A+
Milano
Trapper Shiva: condanna a 6 anni e mezzo per tentato omicidio
Rapper Shiva

Trapper Shiva: condanna a 6 anni e mezzo per tentato omicidio

Il Tribunale di Milano ha condannato il trapper Shiva, nome d'arte di Andrea Arrigoni, a 6 anni, 6 mesi e 20 giorni di reclusione per aver sparato e ferito l'11 luglio 2023 due presunti suoi aggressori all'interno del cortile degli uffici della sua casa discografica a Settimo Milanese. Il cantante di 24 anni era imputato di tentato omicidio, detenzione illecita di arma da sparo e ricettazione della pistola. 

Trapper Shiva: preannunciato il ricorso in appello 

Le giudici Ferraro-De Cristofaro-Marchegiani della ottava sezione penale hanno riconosciuto al cantante, difeso dagli avvocati Daniele Barelli e Marco Campora, la sola circostanza attenuante dell'aver risarcito le due vittime, che non si sono costituite parte civile. Escluse invece quelle generiche e quella della provocazione. "E' un ragazzo consapevole e forte della propria della sua innocenza", ha commentato l'avvocato Campora fuori dall'aula mentre il collega Barelli ha gia' preannunciato ricorso in appello dopo la lettura delle motivazioni, che saranno depositate entro 90 giorni. Arrigoni ha lasciato il palazzo di giustizia per tornare agli arresti domiciliari in cui si trova dallo scorso febbraio, dopo un periodo di quasi quattro mesi nel carcere San Vittore. 


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.