A- A+
Milano
'Trenord, niente accesso agli atti', M5S: "Zero trasparenza"

di Fabio Massa

Siamo spiacenti, ma Trenord non è affar vostro. E’ questa la risposta che si sono sentiti dare alcuni consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, per la precisione Stefano Buffagni e Iolanda Nanni. I due, secondo quanto può riferire Affaritaliani.it, hanno ricevuto recentemente una lettera dal presidente di Trenord Vincenzo Soprano. I due consiglieri avevano chiesto, il 13 luglio 2015, informazioni riguardanti i patrocini onerosi concessi da Trenord. Il perché? “Vogliamo vederci chiaro - spiegano Buffagni e Nanni ad Affaritaliani.it - Nel passato i patrocini sono stati usati dal sistema Formigoni per finanziare questo o quell’amico. Chissà che qualcuno, anche in assenza di Formigoni che magari l’ha piazzato là dentro, continua a beneficare questo o quell’amico”. I rumors parlerebbero di strane contribuzioni ad università, concorsi letterari, amicizie con professori. “Ovviamente di tutto questo noi non possiamo avere nessuna evidenza, perché Trenord non applica in nessun modo il principio di trasparenza. Così, da una parte nega qualunque tipo di ufficialità a qualunque tipo di report o dato che viene pubblicato, dall’altra fa fare passerelle all’ad Cinzia Farisè per magnificare questo o quell’investimento. Sempre in Regione Lombardia, che alla fine finanzia con milioni e milioni di euro il servizio. Ma quando il consiglio regionale della Lombardia chiede di vederci chiaro su come vengono spesi i soldi dei lombardi, allora la risposta è no”.

Ma che cosa ha risposto, esattamente, l’azienda? Vincenzo Soprano, in una lettera che Affari ha potuto visionare, scrive, nero su bianco: “Egregi consiglieri, faccio seguito alla vostra contenente la richiesta di informazioni in merito ai patrocini, onerosi e non, concessi da TRENORD negli ultimi quattro anni, per rappresentare che, ai sensi dell’art. 112 del Regolamento generale del Consiglio Regionale, non si ritiene sussistano i presupposti per l’esercizio del diritto di accesso”. La motivazione? Trenord non è direttamente partecipata da Regione Lombardia. “È vergognoso; i soldi arrivino dalla Regione Lombardia e dalla Regione Lombardia Trenord dipenda in modo praticamente diretto, la trasparenza è un optional, ma noi non ci arrendiamo ed arriveremo a quei dati sicuramente. In FNM hanno lo stesso atteggiamento, eppure siamo riusciti a far venire a galla le spese di Achille con i risultati che tutti conosciamo”, concludono i due consiglieri.

@FabioAMassa

Tags:
trenordmovimento 5 stellestefano buffagniiolanda nanni






A2A
A2A
i blog di affari
MICHETTI: SARO' IL SINDACO DELL'ARMONIA
Green Pass obbligatorio, Italia avamposto del nuovo ordine terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Brunetta non va al Premio Socrate: c'è Palamara


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.