A- A+
Milano
Tribunale, ancora coltelli e pistole ai metal detector

Ha cercato di entrare nel Tribunale di Milano con un coltello da cucina dalla lama lunga 20 centimetri. Tra carte, computer e giornali, un medico teneva nella valigietta l'arma bianca, che è stata rilevata dai metal detector e dai raggi X. Subito arrivati sul posto i carabinieri, ai quali il professionista ha detto di tenere il coltello con sé per difesa personale. E' stato denunciato. Ma dai racconti degli addetti alla sicurezza emerge che sia piuttosto frequente fermare persone che ancora dopo la strage compiuta da Claudio Giardiello nell'aprile 2015 cercano di introdursi nelle aule con coltelli, forbici, spray urticanti. Addirittura, poche settimane fa un notaio ha varcato la soglia del palazzo di giustizia attraverso l'ingresso riservato all'archivio notarile con la propria pistola, poi, per scrupolo, ha chiesto ai vigilantes se poteva effettivamente farlo, "autodenunciandosi" dopo aver passato i controlli.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tribunale di milanoclaudio giardiellostrage tribunale milanocoltello tribunale milanopistola tribunale milano






A2A
A2A
i blog di affari
La CGIL è la stampella dei padroni
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.