A- A+
Milano
Truffa 800 mila euro a parente 90enne, denunciato dalla Finanza

Truffa 800 mila euro a parente 90enne, denunciato dalla Finanza

I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Brescia hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo per il reato di truffa, appropriazione indebita, auto-riciclaggio e peculato, per un totale di circa 800 mila euro - nell'ambito di un'indagine condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria coordinata dalla locale Procura della Repubblica - nei confronti di un sessantanovenne professionista gardesano, che curava gli interessi economici e patrimoniali di una ultra novantenne. La donna, rimasta vedova e con una figlia disabile, dopo circa un ventennio, si e' accorta della condotta tenuta dal professionista (cugino del defunto marito), a cui aveva affidato il proprio patrimonio nonche', considerata la sua eta', le sorti future della ragazza disabile, della quale era stato nominato amministratore di sostegno. Solo a seguito del prematuro decesso della figlia disabile, in fase di successione ereditaria, l'anziana signora si e' resa conto della truffa del parente. In particolare, il cugino del defunto marito della vittima, avvocato e imprenditore, ha raggirato l'anziana signora facendosi consegnare circa 300 mila euro con la falsa promessa di doverlo utilizzare in un proficuo investimento attraverso l'acquisto di quote di una societa' a lui riconducibile e appropriandosi di circa 500 mila euro detenuti all'estero dalla signora ed oggetto di regolare rientro in Italia mediante la Voluntary disclosure. Non solo: in qualita' di amministratore di sostegno della ragazza disabile, l'uomo si e' impossessato di alcune somme di denaro relative alle rendite vitalizie di una polizza assicurativa, sottoscritta molti anni prima dal defunto padre nonche' marito dell'anziana donna, per garantire il sostentamento della figlia portatrice di handicap. 

L'attivita' investigativa dei Finanzieri, sviluppatasi prevalentemente attraverso l'analisi dei flussi finanziari, italiani ed esteri, riconducibili alle vittime, al professionista ed alla societa' coinvolta, ha permesso di ricostruire le condotte delittuose tenute a danno dall'anziana donna e della figlia disabile. Le Fiamme Gialle bresciane hanno proceduto - tra Milano, Desenzano del Garda (BS) e Prevalle (BS) - al recupero del maltolto attraverso il sequestro dei saldi attivi dei conti correnti dell'indagato, sia personali che quelli della propria attivita' economica ove aveva, indebitamente, investito il denaro della novantenne, nonche' al sequestro per equivalente di un prestigioso immobile residenziale ubicato in territorio gardesano e di proprieta' dell'indagato, quale provento dei reati contestati. L'indagine "Parenti serpenti", ha consentito all'anziana signora, da sempre impegnata nel sociale attraverso opere di beneficenza, di vedersi riconoscere le ingiustizie subite. 

Commenti
    Tags:
    finanzatruffa a novantenne









    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Coronavirus. Roberto De Wan con la sua arte è in prima linea contro COVID-19
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Coronavirus: mancano le mascherine, ma presto avremo i bavagli
    di Diego Fusaro
    Coronavirus e patologie pregresse: i meccanismi che regolano le malattie
    di Giusi Urgesi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.