A- A+
Milano
Uber: protocollo salute e sicurezza rider, più garanzie per i corrieri
Uber Eats

Uber: protocollo salute e sicurezza rider, più garanzie per i corrieri

E' stato presentato oggi il protocollo di sicurezza e salute per i rider stilato da Uber Eats. Come comunica la stessa societa', sono state sottoscritte delle linee guida, che "garantiscono i piu' alti livelli nel settore del food delivery in termini di tutela della salute e sicurezza, garanzie e benessere delle migliaia di corrieri attivi sulla piattaforma Uber Eats nel nostro Paese". I rider avranno dispositivi per la sicurezza personale messi a disposizione gratuitamente dall'azienda. 

Per prima cosa i Dpi, non solo sanitari ma anche per la prevenzione degli infortuni: casco di sicurezza per bicicletta, indumento ad alta visibilita', giacca e pantaloni antipioggia, supporto impermeabile per smartphone da applicare sulla bicicletta, luci da applicare sulla bicicletta e fascia da braccio catarifrangente. I fattorini saranno poi forniti dell'equipaggiamento protettivo anti-Covid-19 (in modo diretto o tramite rimborso), e quindi di mascherine e gel. Nella stessa app che organizza il loro lavoro avranno un tasto di emergenza utilizzabile in caso di problemi di sicurezza, che consente di contattare il 112 e di ricevere assistenza da parte di un team Uber. Appositi reminder ricorderanno ai lavoratori di indossare i dispositivi di sicurezza ad intervalli regolari. L'azienda organizzera' una campagna di sensibilizzazione per i rider in materia di salute e sicurezza e igiene alimentare, che prevede la condivisione di informazioni, suggerimenti e guide (in formato video) e l'invio di avvisi, comunicazioni e reminder in relazione al rispetto delle norme di sicurezza stradale, con particolare riferimento al corretto e sicuro utilizzo dell'app/cellulare mentre il rider e' in movimento, e all'importanza dell'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale forniti dall'azienda. Inoltre Uber fornira' corsi gratuiti di formazione dedicati alla salute e sicurezza sul lavoro e alla sicurezza stradale: una formazione obbligatoria e in piu' lingue, visto che molti dei fattorini sono migranti. Sara' poi la stessa azienda a verificare l'idoneita' dei veicoli per le consegne, sia che si tratti di biciclette sia che si tratti di mezzi a motore.

Per una verifica incrociata, gli altri utenti della piattaforma (ristoranti e consumatori) potranno fornire (su base volontaria) feedback in merito ai corrieri anche in relazione all'utilizzo da parte degli stessi dei dpi. "Grazie al nuovo protocollo, Uber Eats e' la prima azienda in Italia a mettere a punto un insieme di procedure chiare e iniziative concrete volte alla sicurezza e al benessere dei rider in Italia. Con le attivita' che stiamo realizzando ora e nei prossimi mesi, miriamo a diventare il modello di riferimento per l'intero settore del food delivery nell'ambito della tutela della salute e sicurezza dai corrieri, e un esempio per tutte le realta' operanti nella consegna di beni a domicilio nel nostro paese" afferma Gabriele De Giorgi (Public Policy Manager) di Uber Italia. Anche l'amministratore giudiziario Cesare Meroni e gli avvocati Fabio Cesare e Marcella Vulcano, hanno espresso soddisfazione per i risultati raggiunti: "Uber sta seguendo le coordinate tracciate dai giudici della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Milano, delegati alla procedura, Fabio Roia e Veronica Tallarida. La societa' ha osservato e progressivamente attuato l'imponente programma prescrizionale elaborato dall'ufficio dell'amministratore giudiziario. Un piano di compliance 231 che ha inciso sull'assetto organizzativo della societa', anche attraverso l'istituzione di un Compliance Champion, deputato ad assicurare, insieme all'organismo di vigilanza, l'effettiva attuazione del Modello organizzativo 231 e il rispetto delle politiche e delle procedure interne da parte dei dipendenti, dei corrieri e di tutti i soggetti coinvolti nelle attivita' aziendali. Particolare attenzione e' stata posta alla salute e sicurezza dei riders con un programma specifico nel settore del food delivery che dimostra la posizione di contrasto della societa' rispetto a forme di sfruttamento del lavoro.La societa' sta facendo un notevole sforzo di programmazione ed economico per posizionarsi nel settore del food delivery come un'impresa ad un elevato livello di connotazione etica e di responsabilita' sociale, operando in un alveo di legalita' e di tutela dei lavoratori. Il percorso virtuoso intrapreso dal management e' una chiara manifestazione della volonta' della societa' di dare seguito agli sforzi fin qui compiuti impegnandosi nell'adozione e nell'implementazione delle procedure e best practices con l'obiettivo di qualificarsi come modello positivo e di riferimento per il settore del food delivery, a tutela della salute e del benessere dei corrieri e di tutti i lavoratori". Va ricordato che la filiale italiana di food delivery che fa parte del colosso americano del noleggio auto e' dalla primavera scorsa al centro di un'inchiesta della Procura di Milano per caporalato. A rivelare i particolari dello sfruttamento dei fattorini e' stata l'indagine coordinata dal pm Paolo Storari. Fra gli indagati una ex dirigente dell'azienda (poi sospesa), e i titolari di due ditte intermediarie che procuravano i lavoratori pagandoli 3 euro a consegna. L'azienda e' stata ammessa come responsabile civile all'udienza preliminare del processo. Contemporaneamente la sezione autonoma Misure di Prevenzione del Tribunale di Milano aveva disposto il commissariamento, lo scorso 28 maggio ed e' per questo che ad oggi risulta ancora sotto il controllo di un board di amministratori giudiziari. 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    rideruber eatssicurezza rider






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
    Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
    L'opinione di Tiziana Rocca


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.