A- A+
Milano
Uccise 45enne armato, pm Milano: archiviare indagine su poliziotto
Lapresse

Uccise 45enne armato, pm Milano: archiviare indagine su poliziotto

La procura di Milano ha chiesto l'archivizione dell'inchiesta sul poliziotto che nel febbraio scorso aveva sparato contro un 45enne filippino armato di coltello, uccidendolo. Il fascicolo, aperto dal pm Paolo Storari, vede l'agente indagato per eccesso colposo nell'uso legittimo delle armi. L'indagine non ha tuttavia fatto emergere profili penalmente rilevanti nei confronti del poliziotto.

I fatti risalgono alla notte tra il 22 e il 23 febbraio scorso. Il 45enne si trovava in via Sulmona, all'estrema periferia Est del capoluogo lombardo, e aveva tentato di aggredire alcuni passanti con un coltello. Poi si scagliò contro i poliziotti immediatamente intervenuti sul posto dopo l'allarme lanciato da alcuni residenti della zona. Uno degli agenti esplose tre colpi di pistola, di cui due furono fatali per il filippino. Ma la sua azione, secondo la ricostruzione del magistrato, era mirata a difendere sè stesso e gli altri colleghi dalla furia dell'uomo che aveva creato una concreta situazione di pericolo per la cittadinanza. Da qui la richiesta di archiviazione che ora passa all'esame di un gip. 

"Fa ben sperare la richiesta di archiviazione avanzata dal sostituto procuratore di Milano Paolo Stortari, per quanto riguarda l’inchiesta in cui un poliziotto di Milano era indagato per eccesso colposo nell’uso legittimo delle armi, dopo aver sparato e ucciso il 45enne filippino Jerry Dimapulangan, che aveva aggredito colleghi e passanti armato di coltello, lo scorso febbraio. Ci sembra il giusto epilogo di una vicenda in cui il collega ha difeso se stesso e gli altri dalla furia di un uomo armato". È il commento di Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap). 

"Allo stesso tempo – dice il sindacalista – mi amareggia il fatto che il collega abbia dovuto subire una indagine e pagare di tasca propria un avvocato davanti all’evidenza di un’azione legittima. Tutto questo poteva essere evitato se avessimo avuto il taser che, nonostante gli annunci, ancora non arriva. Con questo strumento sarà possibile fermare balordi a distanza, senza contatto fisico, senza morti e spiacevoli atti dovuti", ha concluso.



Leggi anche: Nasce in Italia la PRIMA SPA MARINA

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    uccise45enne armatopm milanoarchiviareindaginepoliziotto






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
    di Maurizio De Caro
    Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
    CasaebottegaJalisse
    Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.