A- A+
Milano
Ultima Generazione, il Tribunale: “No sorveglianza speciale per Ficicchia"

Ultima Generazione, il Tribunale: “No sorveglianza speciale per Ficicchia"

"Gli unici procedimenti penali instaurati nei confronti del Ficicchia () non appaiono idonei, allo stato, a sorreggere un giudizio pericolosita' sociale generica, sotto il profilo dell'accertamento dell'abitualita' alla commissione di reati, tale da giustificare l'applicazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale di ps. non essendo ancora definitivi gli accertamenti dei fatti in essi contestati". Lo scrivono i giudici della sezione autonoma misure di prevenzione del Tribunale di Milano nel decreto con cui hanno rigettato la sorveglianza speciale per Simone Ficicchia, 20 anni, attivita' di Ultima generazione.

Il tribunale: "Ogni episodio ha già pronta risposta istituzionale"

"Rileva il Tribunale che, senza minimizzare la gravità degli episodi descritti nelle varie denunce - sottolineano i giudici Rispoli-Cernuto-Spagnuolo Vigorita - ciascuno di essi ha già pronta risposta istituzionale, sul piano della prevenzione, rappresentata dai diversi fogli di via emessi dai questori territorialmente competenti che sono attualmente in vigore, nonchè dall'avviso orale emesso dal questore della provincia di Pavia".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
simone ficicchiatribunale di milanoultima generazione







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.