A- A+
Milano
Omicidio nautico, in 100mila chiedono giustizia per Umberto e Greta. L'appello
Tragedia sul Garda: Greta Nedrotti e Umberto Garzarella

Omicidio nautico, in 100mila chiedono giustizia per Umberto e Greta

Ha sfondato  la soglia delle 100mila firme la petizione lanciata sulla piattaforma Change.org 3 settimane fa da Rossana Seccabiani, a seguito della morte di Umberto Garzarella e Greta Nedrotti, per chiedere che sia fatta giustizia per i ragazzi tramite l’equiparazione dell’omicidio naturico a quello stradale: “come gli automobilisti, anche i diportisti al timone di unità a motore che, sotto l’effetto di alcool o sostanze stupefacenti, causino la morte di una persona devono essere puniti con pene sensibilmente maggiori a quelle previste per l’omicidio colposo”, spiega il testo dell’appello online.

Quando sono morti, racconta l’autrice della campagna, i due ragazzi “erano in barca a Salò, di sera, come tante persone  al lago di Garda e in tutti i laghi e mari italiani. Erano tranquilli e si godevano la serata estiva e mai avrebbero pensato che un motoscafo potesse letteralmente passargli sopra uccidendo Umberto sul colpo e sbalzando Greta in acqua, provocandole numerose fratture e causandone la morte per annegamento”.

Il testo ricorda anche che “i due tedeschi alla guida - Patrick Kassen e Christian Teismann - non si sarebbero nemmeno fermati a prestargli soccorso, ma sarebbero invece andati a bersi una birra subito dopo l'incidente come se nulla fosse accaduto. Greta avrebbe potuto essere salvata , invece è  stata lasciata a morire”.

Per questo, “noi chiediamo giustizia per Greta e Umberto” scrive Rossana a nome di tutti i firmatari: “chiediamo di equiparare le norme della navigazione a quelle previste per la strada ORA e che queste due persone vengano ENTRAMBE arrestate e si faccia chiarezza sull'accaduto”. 

[Vogliamo] “tornare a goderci le serate estive in barca senza il timore di essere uccisi da individui che senza nessun rispetto per le regole e la vita si mettono alla guida di imbarcazioni potenti e le lanciano a tutta velocità infischiandosene delle conseguenze delle loro azioni", conclude. "Perché Umberto e Greta siamo tutti noi, tutte le persone che amano i nostri laghi e i  nostri mari e ora piangono due giovani vite e una giustizia che non si vede.”

La promotrice specifica che “sappiamo che se la nuova legge che chiediamo con questa petizione verrà approvata non sarà retroattiva, anche se noi vorremmo che lo fosse; vorremmo che sia Patrick Kassen che Christian Teismann fossero condannati alla stessa pena prevista per omicidio stradale e omissione di soccorso. Quasi sicuramente questo non sarà possibile e questi due individui saranno giudicati secondo le leggi nautiche vigenti al momento del fatto. Ma vogliamo che siano perlomeno condannati ENTRAMBI a scontare in carcere il massimo della pena, considerando tutte le circostanze aggravanti, per il comportamento inclassificabile che ENTRAMBI hanno avuto sia prima che dopo l'incidente, per avere qualcosa che si possa definire giustizia per Umberto e Greta.”

LINK ALLA PETIZIONE

 

Commenti
    Tags:
    umbertogretagiustiziaomicidio nautico







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Le radici dell’Architettura
    di Mariangela Turchiarulo
    Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Obbligo Green pass decisione liberale
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.