A- A+
Milano
Unioni gay in luoghi pubblici, Mardegan (Ncd): "Proposta Majorino è carnevalata"

“La proposta dell’assessore Majorino di destinare luoghi pubblici per celebrare unioni gay è una carnevalata offensiva per quegli stessi omosessuali che si affanna a difendere in cerca di qualche consenso in più. E’ noto a tutti che il Comune non ha nessun potere legislativo, quindi non si capisce che valore abbia questa proposta se non essere l’ennesimo tentativo di ridicolizzare un tema serio come quello dei diritti civili”. Così il coordinatore cittadino di Nuovo Centro Destra, Nicolò Mardegan. “Oltre ad essere offensiva e inutile, questa proposta conferma lo spregio del Comune verso le istituzioni a partire dalla Prefettura che era già dovuta intervenire contro la trascrizione dei matrimoni omosessuali celebrati all’estero. L’assessore Majorino farebbe meglio a dare la precedenza alle questioni che interessano la città anziché ridicolizzarla con questo genere di uscite”.

Tags:
nicolò mardeganpierfrancesco majorinounioni gay







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.