A- A+
Milano
Vallanzasca ladro di mutande:"Complotto? Tesi non credibile"

La tesi di un complotto? Non è "degna di credibilità". Questa, in sostanza, la motivazione con cui i giudici della terza sezione penale della Corte d'Appello di Milano hanno confermato la condanna di Renato Vallanzasca a dieci mesi di reclusione per il furto di "boxer, concime per piante e cesoie da giardinaggio in un supermercato". Il "bel Renè" si era difeso sostenendo che qualcuno aveva voluto incastrarl. Ma i giudici non gli hanno creduto.

Tags:
renato vallanzasca







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.