Roma, 7 set. (Adnkronos) - "Il d.m. n. 268 del 5 luglio 2021 istituisce la Piattaforma Unica Nazionale Informatica dei contrassegni unici per disabili che, collegata all’archivio nazionale veicoli (Anv), consentirà una mobilità più agile in tutto il territorio nazionale alle persone con disabilità. Ci vorranno alcuni mesi prima che sia completamente operativa, ma già s’intuisce la potenziale portata innovativa di tale strumento di semplificazione amministrativa e di garanzia all’esercizio pieno del diritto alla mobilità per le persone disabili". Così Meritocrazia Italia."Fino ad oggi - spiega il movimento - le persone dotate di Cude (Contrassegno Unificato Disabili Europeo) hanno potuto transitare liberamente all’interno del Comune di residenza previo rilascio di un contrassegno per la circolazione anche in aree con divieti o inibite alla maggior parte dei veicoli. Restavano le difficoltà per gli spostamenti verso altri Comuni. Una procedura lenta e macchinosa, vero ostacolo alla mobilità e alla dignità delle persone disabili, imponeva difatti una comunicazione preventiva (di qualche giorno) o tardiva (a volte dopo aver subito una sanzione amministrativa) al Comune ospitante, a giustificazione dell’accesso e/o la sosta in zone non consentite al transito veicolare. Il nuovo decreto rappresenta, per riprendere le parole rilasciate durante la conferenza stampa di presentazione della piattaforma di cui all’oggetto da parte del Ministro per le Infrastrutture e le Mobilità sostenibili (MIMS), un’innovazione che 'garantisce la piena inclusione delle persone più fragili' affinché le stesse, attraverso una procedura semplificata di accreditamento, possano muoversi liberamente in tutto il territorio nazionale. Un provvedimento che si pone nell’ottica di sburocratizzazione e semplificazione della pubblica amministrazione, nel verso di migliorare la qualità di vita di chi già soffre, per la propria condizione, un disagio fisico o psichico"."La Piattaforma Unica Nazionale Informatica dei contrassegni unici per disAbili è istituita presso l’Archivio Nazionale dei Veicoli di cui all’art. 226 del Codice della Strada, i cui dati vengono inseriti e aggiornati dai Comuni abilitati al rilascio del CUDE secondo quanto previsto dall’art. 381, comma 2, d.P.R. n. 495 del 1992. Una volta rilasciato il contrassegno, il Comune trasmette all’ANV, secondo procedura codificata, le targhe associate, ricevendo poi un ‘codice univoco’ che servirà agli organi di polizia stradale per verificare l’effettivo collegamento del CUDE al veicolo circolante avente a bordo la persona invalida. L’abbinamento del codice univoco con il numero di ‘targa attivo’ è sempre in rapporto uno ad uno, in modo da evitare che siano attive, nello stesso momento, più targhe in circolazione associate a quello stesso codice", spiega Meritocrazia Italia.

in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

i più visti
i blog di affari
Il Tribunale di Lecce annulla cartella da 130.000 mila euro
Ginevra, un melting pot newyorchese nella piccola Svizzera
di Leone Ronchetti
Green Pass, i tesserati ignorano che è un dispositivo di controllo biopolitico
L'OPINIONE di Diego Fusaro



Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.