A- A+
Politica
Amnistia e indulto, stallo totale sui lavori parlamentari
Tutti i lavori di Giustizia per Amnistia ed Indulto sono fermi e non per il periodo estivo, ma sono proprio in stallo come dire "nulla di fatto" nonstante Sua Santità, Papa Francesco I, sosteneva a voce alta con sentito appello sulle possibilità di “promuovere” una grande amnistia in occasione del Giubileo che si è aperto l’8 dicembre 2015. 
 
Come ho ribadito altre volte, prima però che qualcuno gridi allo scandalo e punti il dito con motivazioni infondate e pretestuose, si tiene a precisare che comunque non ci si dissocia dalla certezza della pena e non si dimentica, soprattutto in questa Sede giornalistica che certamente dietro ogni condannato e detenuto ci sia una parte offesa che merita certamente rispetto e Giustizia nel proprio ruolo. 
 
Ciò detto comunque, deve essere ulteriormente approfondito che l’amnistia, come atto di clemenza, rientra nel novero dei provvedimenti eccezionali, concesso in presenza di condizioni precise e mirate.
 
 L’elemento caratterizzante la politica su questo fronte è, come già detto, la consapevolezza che oltre la certezza della pena – su cui secondo noi non sono ammissibili sconti – esista la configurazione del carcere realmente inteso come occasione di riscatto e momento di rieducazione per il detenuto che deve aver compreso di aver commesso un errore versando contro  la Legge. 
 
Nel concreto tuttavia, sebbene il carcere sia momento punitivo in quanto restrittivo, non rappresenta motivo di rieducazione, deludendo il suo stesso principio ispiratore.
 
 Nella sostanza oggi il carcere – in questo forse ripetendomi – al di fuori della propria, certa portata afflittiva, vede limitata la  funzione rieducativa e riabilitativa allo sconto pena, quindi fuori.
 
 L’ex detenuto quindi è libero, ma abbandonato a se stesso, senza alcuna ispirazione alla socialità e con il pericolo, in mancanza di un cammino strutturato, oltreché per obiettive difficoltà che non toccano solo lui – vedi la mancanza cronica di lavoro, prima garanzia per non ricadere nel delinquere – di ricadere in condotte “contra legem”. 
 
Altresì, si ritiene con fondata convinzione che motivazioni di questa mancata rieducazione siano dovute ad una politica carceraria precaria e pericolosa ad esclusivo discapito del detenuto e delle famiglie perché operatori sanitari come ad esempio medici, psicologi e psichiatri ed "educatori", non sono molte volte specializzati nelle branche forensi di competenza, ma addirittura si può affermare che spesso "fanno pratica" in queste sedi, professionisti in partenza in un posto ove quasi sia “consentito sbagliare” professionalmente
 
Questo è un grave fallimento della Giustizia nella molteplicità delle sue espressioni.
 
 In tal senso dunque l’amnistia deve essere momento di riflessione e di ripartenza nel rimodulare un nuovo concetto di Giustizia – tanto a cuore appunto e da sempre a Sua Santità, nondimeno dei Suoi predecessori – nelle proprie manifestazioni ed articolazioni.
 
La Giustizia, una volta per tutte, ha bisogno di una svolta con profonda rivisitazione di Leggi ed Istituti, adeguandoli pragmaticamente ai tempi in cui viviamo, evitando in questo modo la creazione di carichi di lavoro insostenibili per l’intero personale del sistema giudiziario e per i Giudici che in questa maniera rischiano di veder influenzata la propria tranquillità di giudizio ed intoccabile terzietà. 
 
V’è assoluto bisogno di nuove carceri – moderne anche nell’impostazione delle strutture – perche non è possibile far convivere miriadi di detenuti che a volte pagano per responsabilità assolutamente diverse in un fazzoletto di cella. 
 
Abbiamo bisogno come sistema paese di alte professionalità all’interno del sistema e dell’ambiente carcerario -  non di mezze calzette cialtrone e pressapochiste oltre che impreparate che in errore ricorrono al proprio Ordine di appartenenza che al meglio "insabbia" -.   
 
Solo competenti sanno e saprenno predisporre piani di recupero in maniera da rendere meno disagiata e più dignitosa la vita del “ristretto” e non farlo diventare ulteriormente “animale idrofobo”. 
 
Pertanto sì, deciso e consapevole all’amnistia anche a  Giubileo inoltrato, come sollecitato profondamente da Sua Santità e come altrettanto condiviso dal Presidente del Senato Grasso. 
 
Ulteriore plauso a Papa Francesco I per la rivoluzione in corso sulla Nullità delle Nozze, per la quale sta dettando nuove regole per un processo veloce e gratuito, ove il Vescovo di Competenza assurgerà a Giudice. 
Altro segno di un mondo che cambia. 
 
Riteniamo con fondata convinzione Cristiana, Giuridica e Sociale che questi siano passi di grande civiltà ed adeguamento ai quali dovrebbero partecipare, indistintamente tutte le forze politiche, eludendo almeno per un solo attimo eventuali comportamenti oppositivi di pretestuosa ideologia, nell’esclusivo interesse di noi tutti, cittadini.
 
Ma come mai Sua Santità non è stato esaudito ancora!?
 
Che non vadano d' accordo Governo e Vaticano !?
 
Di recente il Ministro di Giustizia Orlando ha incontrato il Garante Nazionale dei Diritti dei Detenuti Mauro Palma e tutto faceva presupporre ad una "svolta".
 
ma su questo fronte di svolta non si è vista neppure l' ombra e non ci resta dunque che attendere "con qualche deterrente di comodo Governativo" come "fe...i" e come al solito!
 
Ellera Ferrante di Ruffana
 
Tags:
amnistia
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.