@Tommaso5mani

antonio borghesi@Tommaso5mani

antonio borghesi@Tommaso5mani

antonio borghesi
A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani
 twitter@Tommaso5mani

antonio borghesi

"Mi candido alla segreteria dell'Italia dei Valori". Antonio Borghesi, ex presidente dei deputati Idv, con una intervista ad Affaritaliani.it annuncia di volersi candidare alla guida del partito nel Congresso di fine giugno. E spiega: "E' stato un errore allearsi con Ingroia. Dovevamo andare da soli, invece così ci siamo fatti identificare con la sinistra radicale, a cui certo non apparteniamo. Il nostro orizzonte deve essere la foto di Vasto". Poi ammette gli errori del passato: "Dobbiamo mettere al centro la questione morale. Per poter crescere quantitativamente abbiamo accettato di fare entrare gli 'uomini delle tessere', un errore". E sul futuro ruolo di Di Pietro: "Forse farà il Presidente onorario".



Dal 28 al 30 giugno si terrà il Congresso dell'Idv per ripartire dopo la sconfitta elettorale. C'è ancora un futuro per l'Italia dei Valori?
"Certamente. Ma c'è un problema di linea politica da un lato e di organizzazione come partito dall'altro. Noi dobbiamo tornare alle nostre origini per riportare l'etica nella politica, per mettere al centro la questione morale. Noi siamo un partito post ideologico, che va oltre la destra e la sinistra. Per un partito come questo c'è ancora spazio e per questo io mi candido alla segreteria dell'Idv".

Come deve cambiare l'Italia dei Valori?
"Deve essere capace di porsi come partito di governo, ma un partito leggero, che mette al centro la questione morale. Dobbiamo essere fermi su questo elemento, perché è stato il nostro punto di caduta, quando, per poter crescere quantitativamente, abbiamo accettato di fare entrare persone che erano più che voto di opinione, voto di 'scambio'. Gli uomini delle tessere insomma".

Serve più attenzione nelle candidature?
"Innanzitutto serve l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, bisogna crescere con il supporto dei militanti. Poi soprattutto serve una grande trasparenza interna. Penso ad una struttura leggera, tipo 'liquid feedback'.  Con una grande democrazia partecipata al suo interno".

Alle elezioni il vostro elettorato si è praticamente dissolto. Sperate di recuperarlo?
"Un terzo dei voti che avevamo cinque anni fa sono finiti a Grillo e non pensiamo di poter correre dietro a lui. Un terzo sono andati al Pd. Possiamo lavorare per recuperarli, perché erano persone critiche verso il Partito Democratico. Un terzo è andato nell'area del non voto, anche qui abbiamo dei margini".
 

video di piettro

Secondo lei è stato un errore allearsi con Antonio Ingroia sotto l'ombrello di Rivoluzione Civile?
"Assolutamente sì. Il 27 dicembre sono stato uno dei pochi a proporre di andare da soli con il nostro simbolo. Magari non saremmo andati in Parlamento, ma avremmo consolidato la nostra identità. Invece così ci siamo fatti identificare con la sinistra radicale a cui certo non apparteniamo".

Serve un ricambio al vertice del partito?
"Sì, per questo mi candido. Credo che  tutti riconoscano che negli anni passati alla Camera ho lavorato bene. Di Pietro ha già detto che non si ricandiderà alla segreteria. Resta l'uomo che ha fondato il partito. Ha commesso degli errori, ma ne ha fatto un partito grande e nazionale. Forse farà il Presidente onorario, ma non più il segretario".

Il 'nuovo Idv' a chi deve guardare come alleanze?
"Al Centrosinistra della foto di Vasto. Dobbiamo ricucire i rapporti con il Pd, anche se ha dei problemi al suo interno. E abbandonare l'ottica del partito di sinistra radicale, che non siamo mai stati".

Tags:
antonio borghesiidvsegreteriaingroia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.