A- A+
Politica
Di Maio inviato Ue nel Golfo, ecco quanto guadagnerà (un sacco di soldi)

Di Maio inviato Ue nel Golfo, guadagnerà 12mila euro netti al mese


Luigi Di Maio sarà l’inviato speciale dell’Unione europea nel Golfo Persico. Manca solo la nomina ufficiale, che per l’ex ministro degli Esteri dovrebbe arrivare a breve.

L'ex ministro degli Esteri è stato scelto da un gruppo di tecnici indipendente. Tali osservatori hanno avuto mandato dall’Ue di selezionare il profilo migliore ed hanno indicato proprio l’ex membro del Movimento 5 stelle.

Il responso è giunto agli uffici dell’Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue, Josep Borrell. Nella relazione è stato messo nero su boanco che “sulla base delle prestazioni” fornite “dai candidati si raccomanda di nominare il sig. Luigi Di Maio” come rappresentante speciale dell’Ue nel Golfo.

Di Maio ha avuto la meglio su altri tre candidati: il cipriota Markos Kyprianou, l’ex inviato dell’Onu in Libia Jan Kubis e l’ex ministro degli Esteri e commissario Ue Dimitris Avramopoulos.

Borrell ora nominerà ufficialmente Di Maio. La svolta starebbe proprio nella solidità del rapporto, umano e istituzionale, che l’ex ministro è riuscito a costruire con Borrell durante la sua esperienza alla Farnesina.

La guerra in Ucraina ha innescato un aumento dei prezzi di gas e petrolio. L’Europa sta guardando al Medioriente per riuscire a trovare le risorse che prima venivano fornite dalla Russia. Ma manca una figura diplomatica specifica per portare avanti tale disegno. Ed è in questo quadro che dovrà inserirsi Di Maio. L’ex M5s dovrà cioè tessere i rapporti con il mondo arabo, per trattare sul prezzo di gas e petrolio.

L’indennità per questo incarico, che prevede lo status di diplomatico con relativi passaporto e immunità, è di circa 12 mila euro netti al mese, sottoposti alla tassazione agevolata Ue, oltre alla copertura di tutte le spese, staff compreso.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
di maio inviato ue golfo quanto guadegnerà





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.