A- A+
Politica
M5s: firme false Palermo, ex deputati tra i 12 condannati

Il giudice monocratico della quinta sezione del Tribunale di Palermo, Salvatore Fausto Flaccovio, ha condannato 12 dei 14 imputati del processo per le firme false presentate dal Movimento 5 Stelle alle elezioni comunali di Palermo del 2012.

Un anno e dieci mesi sono stati inflitti agli ex deputati nazionali Riccardo Nuti, Giulia Di Vita e Claudia Mannino, alla ex collaboratrice del gruppo all'Ars, Samantha Busalacchi, agli attivisti Tony Ferrara, Alice Pantaleone e Stefano Paradiso. Un anno e sei mesi invece all'avvocato Francesco Menallo e al cancelliere Gianfranco Scarpello. Pena più bassa, un anno, ai tre che avevano ammesso i fatti: gli ex deputati regionali Claudia La Rocca e Giorgio Ciaccio e Giuseppe Ippolito a un anno. Assolti invece gli altri attivisti Riccardo Ricciardi e Pietro Salvino. La pena per tutti i condannati è stata sospesa. Accolte le tesi del pm Claudia Ferrari.

 

​Il reato contestato si riferisce alla ricopiatura, avvenuta nella notte fra il 2 e il 3 aprile 2012, delle firme dei sostenitori della lista, cosa che fu fatta a causa di un errore che avrebbe potuto invalidare tutto.

Il reato non viene consumato solo da chi materialmente avrebbe scritto ma anche da chi avrebbe deciso e partecipato a vario titolo al "disegno criminoso": il deputato nazionale Riccardo Nuti, nel 2012 candidato sindaco, è stato infatti indagato come istigatore, anche se non è accusato di avere ricopiato le firme. Nel corso del processo la procura ha esposto alcuni dati emersi nel corso delle indagini: tra questi il fatto che su 1202 persone sentite dalla Digos nel corso delle indagini, 791 abbiano disconosciuto la propria firma apposte sulle liste. La falsificazione si sarebbe resa necessaria per l'errore sul luogo di nascita di uno dei candidati: era stato indicato Palermo e non Corleone. Il concreto timore di essere esclusi dalla competizione elettorale aveva indotto aderenti e simpatizzanti, su spinta che sarebbe arrivata da Nuti, a ricopiare tutto. La consulenza fatta eseguire dalla Procura ha fatto emergere che 1175 firme sarebbero totalmente e sicuramente apocrife.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    m5sfirme falseelezioni2020
    in evidenza
    Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

    Scatti d'Affari

    Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

    i più visti
    in vetrina
    Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

    Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone


    casa, immobiliare
    motori
    Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

    Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.