A- A+
Politica
Primo maggio fra i più amari di sempre. Milioni non garantiti da nessuno
Giuseppe Pellizza da Volpedo, Il Quarto Stato (1898   1901), olio su tela, cm. 283 x 550. Milano

Questi fatti sono all’origine sia dell’assassinio di re Umberto I due anni dopo, sia di un dipinto considerato una pietra miliare nella storia dell’arte e nella rappresentazione della società: Il Quarto Stato, di Pellizza da Volpedo.
Per dirla con le parole dell’artista, per la prima volta veniva data forma al “più grande manifesto che il proletariato italiano possa vantare fra l'Otto e il Novecento”.
 Il primo bozzetto, datato 1891, porta il titolo profetico di Ambasciatori della fame, poi cambiato nel 1895 in Fiumana, per arrivare a quello definitivo nel 1898, deciso in seguito al massacro di Milano.


Quest’opera ha dato voce e forma a una classe emergente, il proletariato, che mai prima di allora era stata rappresentata. Meglio di qualunque proclama, afferma un diritto universale, quello del lavoro, e ha una carica innovativa dirompente. Come dirompente è la forza sprigionata da questo fiume di lavoratori che sembra avanzare, lento ma inesorabile, come un corso d’acqua. C’è poi un altro elemento rivoluzionario, aggiunto nei bozzetti e nelle varie prove eseguite fra il 1895 e il 1898: la figura femminile con il bimbo in braccio. Una Madonna laica, unica nel suo genere, discendente diretta delle Madonne del popolo raffigurate da Caravaggio, solo all’apparenza in posizione subalterna. In verità questa donna è uno dei tre fuochi della scena e incarna un ruolo da protagonista, novella allegoria di tutta l’umanità.

Eppure, come Caravaggio, anche Pellizza non si vide mai riconoscere il valore dell’opera che, con tanta fatica e tormento, aveva creato. Solo molti anni dopo la sua morte Il Quarto Stato è stato eletto simbolo di tutto il Novecento. Acquistato dal Comune di Milano nel 1921 per la modica somma di cinquemila lire, da allora fa parte del patrimonio della Galleria d’Arte Moderna, dove è esposto.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
primo maggio





in evidenza
La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024

Guarda le foto

La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.