A- A+
Politica
Matteo Renzi (4)

"Il compito del Pd e' salvare l'Italia, e per salvare l'Italia si parte da un principio: le sentenze si rispettano, la legge e' uguale per tutti". E' quanto afferma Matteo Renzi parlando a Castelfranco Emilia riferendosi alla decisione della Cassazione di confermare la condanna a Berlusconi. "E' venti anni che stiamo aspettando Berlusconi. Almeno il congresso del Pd possiamo farlo senza di lui". Incalza il suo partito che "deve giocare all'attacco, non deve avere paura dei fantasmi. Ora piu' che mai vanno presi i voti dei delusi del Pdl. A forza di avere la puzza sotto il naso continueremo a perdere le elezioni". E ancora: "Vorrei che il Pd riprovasse il gusto di inventare e non si limitasse a compiangere i tempi del passato".

Il sindaco di Firenze nel suo comizio cita una nota canzone di Ligabue: "Non è tempo per noi". E aggiunge: "E forse non lo sarà mai". Non pessismo, ma un pensiero più complesso: "Ventitrè anni fa un giovane sconosciuto cantautore, Luciano Ligabue, inventò l’inno della mia generazione, una canzone molto bella, ma anche triste, che diceva: ’non è tempo per noi e forse non lo sarà mai'. Io vorrei che ci domandassimo se davvero non è tempo per noi o se questo è il nostro tempo e torniamo a lavorare per dare all'Italia un futuro". Cita il passato per indicare la strada che verrà: "Se le generazioni prima di noi avessero detto purtroppo non sarebbero uscite dalle macerie della guerra. Se gli imprenditori detto purtroppo, l'Emila non darebbe uscita dal terremoto". Tira una frecciata diretta al governo: "Oggi hanno rinviato la discussione sul testo sul finanziamento ai partiti, penso che per il Pd sia stato un clamoroso autogol". Parla delle offese al ministro dell'integrazione Cecile Kyenge. "In questi 23 anni abbiamo visto passare di tutto, lo voglio dire qui. Dalle parti di Roma è passata la Lega Nord che dopo Roma ladrona si è piazzata lì e ha fatto di tutto, dai diamanti alle lauree in Albania. E abbiamo visto uno statista in camicia verde che ha insultato un ministro di questa terra. E per questo voglio mandare un grande abbraccio a Cecile Kyenge. Perchè i Calderoli passano, la dignità resta".

Renzi però ha nel mirino il suo Pd e il sistema politico in generale: "Abbiamo bisogno del partito, ma la vecchia tessera non basta più, in un mondo che è sempre più precario e cambia velocemente, abbiamo bisogno di inventarci un partito diverso che non si basa solo su tessera e appartenenza, certo non basta una pagina Facebook, non bisogna perdere il gusto dell'abbraccio e della stretta di mano. Vorrei che il Pd corresse per raggiungere il futuro, e per farlo anche noi avremmo bisogno di innovare. I sociologi parlano di società liquida, il nuovo partito non può basarsi soltanto su tessera o iscrizione e nemmeno solo una pagina facebook". Quindi si rivolge a Letta: "Siamo al fianco del governo perche' realizzi gli impegni che ha preso. Io faccio il tifo per il governo, il governo pero' non deve usare la voce del verbo durare, e' un riflesso neo doroteo, il governo deve 'fare'. Caro Enrico vai avanti, ma se non sei in grado di farlo non cercare alibi. Noi siamo dalla parte dell'Italia",  Renzi si sofferma sul Pd. "Non deve avere paura, deve partire all'attacco, non avere fantasmi. Il nostro motto era diventato lo smacchiamo, dobbiamo costruire un Pd che non ha nemici ma chiede l'amicizia. Oggi piu' che mai c'e' bisogno di un Pd che non stia insieme perche' di la' c'e' una minaccia". Attacco a Beppe Grillo. "E' il principale sponsor delle larghe intese. E' lui che ha paura che le cose cambino". Si rivolge a Epifani: "Gli dico una cosa. Non possiamo passare il tempo a pensare come cambiare le regole delle primarie. Dobbiamo parlare dei problemi dell'Italia che ha bisogno di una scossa. Parliamo di questo, o delle primarie socchiuse?".

Lancia le 5 'E': "Educazione, energia, equita', Europa, entusiasmo". Educazione: "Si riparte - afferma - scommettendo sulla scuola". Energia: "Da noi si paga il 30% in piu' che in Germania, agli imprenditori dovremmo fare un monumento". Equita': "Chiedere un contributo a chi prende 5 mila euro al mese di pensione avendo versato contributi per 3 mila e' un fatto di dignita' e giustizia". Europa: "L'Europa l'abbiamo fatta noi. Fare la fine della Grecia? Noi dobbiamo dire che tra 10 anni supereremo la Germania". Entusiasmo: "Il Pd deve essere coraggioso".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzipdberlusconipdlsentenza berlusconi
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche

i più visti
in vetrina
Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


casa, immobiliare
motori
Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”

Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.