A- A+
PugliaItalia
1000 bottiglie d'olio anti-xylella Alla festa culinaria di Vico Equense

Anche quest’anno Buona Puglia, l’associazione che riunisce in rete oltre ottanta fra produttori ristoratori e albergatori d’eccellenza su tutto il territorio regionale, sarà protagonista a Festa a Vico. La magnifica costiera di Vico Equense dove dal 7 al 9 giugno si svolge la festa della cucina d’autore organizzata dallo chef bistellato Gennaro Esposito, chiama a raccolta ancora una volta un parterre straordinario di cuochi provenienti da ogni angolo d’Italia, oltre che giornalisti, food-blogger, food-expert di rango nazionale e internazionale.

Olio Vico
 

Sarà presente anche la Puglia con un cadeau speciale: mille bottiglie d’olio, l’oro giallo, rigorosamente extravergine d’oliva, che sarà regalato ai partecipanti. Il messaggio , chiaro e forte, è uno: gli occhi del mondo sono puntati da qualche tempo sugli ulivi di Puglia a causa della xylella, il batterio killer, che sta mettendo a dura prova l’agricoltura regionale. Contro gli embarghi, le demonizzazioni, gli spettri della desertificazione, queste preziose boccette di evo vogliono ricordare a tutti che la Puglia è ai vertici mondiali per la produzione olivicola, e che l’olio di Puglia merita un posto d’onore sulle buone tavole apparecchiate ad ogni latitudine, come di fatto è.

olio Vico chef
 

Sulla costiera salernitana dunque, il consorzio Buona Puglia arriverà con un furgone carico di meraviglie, messe a disposizione dai frantoiani di Capitanata, Murgia, Valle d’Itria e Salento, le tante anime del territorio accomunate dalla produzione di evo di qualità: da San Severo (Foggia), arriveranno le bottiglie dell’Azienda agricola Montavano e dell’Oleificio Vieste,  da Apricena (Foggia) quelle di Agricola   Piano, da Andria (Bari) l’olio d’autore di Antico Frantoio Muraglia, Masseria Cusmai e Oleificio   Pellegrino; da Bisceglie le bottiglie di Frantoio  Galantino, da Bitritto l’Oleificio De Carlo, da Conversano Frantoio D’Orazio e dal Salento, alto e basso, l’olio di Masseria Il Frantoio (Ostuni, Brindisi) e Donna Oleria (Monteroni, Lecce).

“Un gesto perfettamente in linea con il tema di quest’anno di Festa a Vico, cioè Il ritorno delle mani amiche”, dichiara Lello Lacerenza dell’associazione Buona Puglia, “perché l’olio è esattamente questo per noi: un pezzo di storia di vita che parla il linguaggio del quotidiano, una composta di gesti e di stati d'animo che poco hanno a che fare con tutte le retoriche che svolazzano intorno all'agro–alimentare”.

Doveroso il ringraziamento alle aziende che hanno messo a disposizione il loro olio, e a coloro che dopo avere ricevuto il cadeau dalla pugliese, si faranno portatori del messaggio: l’evo di Puglia è portatore sano di eccellenza en di benessere!

(geormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vico equenseolioxylellapugliacucinafesta
i blog di affari
Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.