A- A+
PugliaItalia
ANCI Bari - Il discorso di Michele Emiliano

33^ ASSEMBLEA NAZIONALE DELL’ANCI

INTERVENTO DEL PRESIDENTE

DELLA REGIONE PUGLIA MICHELE EMILIANO

 

Signor Presidente della Repubblica,

Le do il benvenuto nella Puglia felice di abbracciarla in questa occasione per tutti noi importantissima ed emozionante.

Importantissima perché ospitare l’Assemblea Nazionale dell’Anci a Bari è il segno del rispetto e dell’affetto di cui la nostra Regione e la città capoluogo sono circondate.

Emozionante perché avvertiamo grande positività attorno al lavoro dei sindaci e degli amministratori locali pugliesi che si distinguono per onestà, diligenza e buona amministrazione al di là degli schieramenti politici e delle normative nazionali che siamo costretti ad applicare.

Ammetto però di essere felicissimo in modo unico e indescrivibile per il grande onore che i sindaci italiani hanno tributato alla città di Bari ed al suo sindaco Antonio Decaro.

foto 2 Emiliano Anci
 

Avete scelto alla guida della Associazione Nazionale dei Comuni italiani una città meravigliosa e ben governata e un sindaco bravo e onesto, dotato di saggezza e competenza.

L’uomo giusto al posto giusto per essere il sindaco d’Italia e per succedere a Piero Fassino che annovero, al pari di Antonio, tra le persone cui sono più legato e che maggiormente stimo.

Antonio Decaro oggi governa una delle più efficienti città italiane, sicuramente quella con il minor numero di dipendenti e di dirigenti in relazione al numero di abitanti, quella meno indebitata, quella che vanta il costo del lavoro più basso tra grandi città italiane - il 23-24 per cento della spesa corrente - quella che ha realizzato opere pubbliche e private di grande qualità, che sta per approvare il suo nuovo Piano Urbanistico Generale e che con risorse esigue ha reagito ad una pesantissima crisi economica contenendo la perdita di Pil e di imprese meglio di altre aree del Paese.

Ma tutte le città pugliesi negli ultimi dieci anni hanno realizzato progressi rilevanti facendo della Puglia la regione preferita dal turismo italiano e una delle mete più attrattive del turismo internazionale.

Siamo per questo preoccupati per le modifiche costituzionali che privano le Regioni della facoltà di promuovere assieme all’Italia i marchi turistici regionali all’estero.

La Puglia senza questa facoltà sinora assicurata dalla Costituzione non avrebbe ottenuto così tanti progressi in questo primario settore industriale.

I sindaci pugliesi hanno utilizzato con intelligenza le opportunità offerte dai fondi europei e da quelli nazionali per lo sviluppo e coesione per far crescere le loro città sotto l’aspetto urbanistico, sociale e culturale, utilizzandoli totalmente senza sprechi e ruberie, cambiando il volto delle loro città, accrescendo l’orgoglio di noi tutti nel dirci pugliesi e meridionali.

Decaro Emilano ANCI
 

Per agevolare questa crescita hanno sopportato minacce e intimidazioni da parte della criminalità e dei potentati locali che hanno avvertito questi cambiamenti positivi come ostacoli alla loro sopravvivenza.

In Puglia i sindaci sono stati al fianco delle Forze dell’Ordine e della Magistratura nel contrasto ai crimini comuni e mafiosi, ed hanno contribuito fortemente alla tutela dell’ambiente e della bellezza del territorio.

La nostra è stata la prima Regione italiana a varare il Piano Paesaggistico Territoriale Regionale sopportandone anche le difficoltà applicative con la consapevolezza che la riduzione del consumo di suolo e la tutela della bellezza sono centrali nel nostro modello di sviluppo.

I Sindaci pugliesi, come tutti i sindaci italiani, sono in prima fila nella tutela della salute dei loro concittadini consapevoli che quest’ultima si garantisce a partire dalle scelte produttive ed energetiche e non solo migliorando, come pure è doveroso, la qualità del nostro sistema sanitario regionale.

Siamo dunque preoccupati per la spoliazione determinata dai cd. Decreti Ilva e dalla riforma costituzionale dei poteri in tali materie in capo alle Regioni.

Non si tratta di negare al Governo la primazia sulle scelte strategiche in materia ambientale ed energetica, ma di consentire come sinora accaduto ai territori, di intervenire nei processi decisionali per offrire alternative e suggerimenti senza dei quali il regionalismo voluto dai Padri costituenti viene snaturato cambiando la forma di governo della Repubblica molto al di là di ciò che si dichiara di voler fare.

I cittadini pugliesi, e in particolare quelli delle Province Brindisi, Lecce e Taranto che hanno dati epidemiologici fuori scala rispetto al resto della Puglia e dell’Italia, sono al fianco della Regione nel chiedere - in coerenza con gli accordi di Parigi Cop21 pochi giorni fa ratificati dal Consiglio dei Ministri - la decarbonizzazione delle industrie pugliesi che, in contrasto con la nostra vocazione e con i nostri fabbisogni energetici ed industriali, annoverano tra di esse i due più grandi impianti europei per la produzione di acciaio e energia elettrica alimentati a carbone, la vera ed unica causa dei suddetti differenziali epidemiologici altrimenti inspiegabili.

Emiliano dignità
 

Devo ancora una volta ringraziarla signor Presidente per il modo gentile e commovente col quale ci è stato vicino in occasione della tragedia ferroviaria del 12 luglio ultimo scorso.

Io ho visto con i miei occhi e sentito con le mie orecchie con quali parole di verità e giustizia Lei ha confortato uno per uno i parenti delle vittime ed i sindaci delle comunità direttamente colpite dalla catastrofe.

Non dimenticheremo mai la sua doppia presenza prima a Bari e poi ad Andria per i funerali delle vittime e il suo gesto di attendere, prima di ripartire per Roma, che anche l’ultimo feretro lasciasse il luogo delle esequie in deroga al cerimoniale.

In quella occasione tragica l’Italia delle autonomie locali, dei Comuni, delle Regioni dei cittadini, il sistema della emergenza urgenza, la protezione civile, le forze dell’ordine, il volontariato, i cittadini che in poche ore hanno donato migliaia di sacche di sangue (tanto che il 12 luglio diventerà la giornata pugliese della donazione di sangue) hanno agito in pochi minuti con straordinaria efficienza e semplicità portando soccorso e conforto umano a chi ne aveva bisogno.

Da quel giorno ho dovuto prendere atto della tragica confusione normativa e organizzativa che a livello centrale vige in materia di trasporto ferroviario al punto che da quella tragedia i cittadini pugliesi, anziché ottenere maggiore chiarezza nella assegnazione delle responsabilità e maggiore efficienza e sicurezza nella gestione del trasporto, hanno ottenuto dalla Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie di recente subentrata all’Ustif, un provvedimento tipico dell’esercizio tuzioristico e indifferente di funzioni centralizzate, che ha rallentato incredibilmente il trasporto ferroviario regionale - già provato dal dissesto economico e gestionale della società concessionaria di proprietà del Governo - ledendo in modo irrimediabile il diritto alla mobilità dei pugliesi.

Emiliano scontro treni
 

Tra qualche giorno l’associazione pugliese delle vittime del 12 luglio incontrerà a Bari l’associazione sorta a seguito del disastro di Viareggio del 29 giugno 2009 e verranno ricevuti da me alla Presidenza della Regione per scambiare esperienze sul modo di affrontare le cause per l’accertamento delle responsabilità e per ottenere i dovuti risarcimenti.

Voglio assicurare Signor Presidente, che né io né i sindaci pugliesi dimentichiamo ciò che Lei ci ha chiesto e cioè di ricordare i nomi delle vittime del 12 luglio 2016 dedicando loro le stazioni ferroviarie del trasporto regionale di Puglia.

È chiaro però che questa doverosa memoria avrà senso solo a condizione di consentire ai viaggiatori ferroviari il loro pieno diritto.

Sappiamo di poter contare sul Suo sostegno, per cambiare veramente la vita degli italiani, non solo a parole, ma nei fatti.

Come fanno da sempre i sindaci italiani, non a caso molto amati dai cittadini, per la loro capacità di rappresentarli nei loro autentici interessi.

anci matarella bari 1 300x169
 

A loro dunque, Signor Presidente, l’ultimo ringraziamento dei pugliesi: grazie signori Sindaci d’Italia, grazie del fatto che ancora vi fate eleggere direttamente dal popolo mettendoci la faccia, grazie perché nella stragrande maggioranza vi dedicate alla cura delle vostre città per pochi spiccioli, spesso gratuitamente, sottraendo alla vostra vita il tempo per i figli e gli amici, grazie perché quando nevica troppo, c’è un’alluvione o un terremoto voi arrivate sul luoghi del disastro prima di chiunque altro, grazie per avere nelle vostre fila gente come Angelo Vassallo, come i sindaci di Amatrice Sergio Pirozzi,  di Accumoli Stefano Petrucci e  di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci e tanti altri che nei decenni hanno onorato il nostro Paese e la Costituzione della Repubblica.

Dire innanzi a voi Viva l’Italia non è solo una meravigliosa clausola di chiusura di un discorso, ma una gioia autentica fondata su verità e coerenza che si incarnano nelle vostre fasce tricolori che sto guardando con nostalgia e emozione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
anci assemblea discorso michele emiliano bari
i blog di affari
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.