A- A+
PugliaItalia
Arresti a Brindisi, NCS: 'Chiudete centri accoglienza'
Con una nota stampa diffusa, il coordinatore regionale di 'Noi con Salvini' Rossano Sasso, interviene sugli arresti a Brindisi per sospetta attività terroristica: "Ancora una volta la Puglia si conferma base logistica e di supporto per organizzazioni terroristiche di stampo islamico. Dopo Bari spetta a Brindisi la "palma" di città accogliente nei confronti di terroristi ed appartenenti all'Isis, grazie agli arresti effettuati poche ore fa".
Brindisi arresti2
 
 
"I centri di accoglienza come quelli di Bari e Brindisi - sottolinea Rossano Sasso coordinatore regionale di Noi con Salvini Puglia - si confermano ancora una volta come luoghi in cui i terroristi arrivano, si preparano per poi andare in mezza Europa a seminare terrore. Da sempre chiediamo la chiusura di questi centri, che servono solo per arricchire i protagonisti della filiera commerciale dell'accoglienza, che parte dagli scafisti, passa dalle O.n.g. che prelevano immigrati sulle coste africane e termina con le cooperative che gestiscono i centri".
 
"
Salvini Puglia2
 
In questi centri - conclude Sasso - ormai è chiaro ed evidente che passano, si formano e partono i terroristi che stanno insaguinando l' Europa. E noi ce li coccoliamo in Puglia. Con dei sindaci salviniani a Bari e a Brindisi quei centri sarebbero stati chiusi".
 
E a poche ora dall'operazione della Polizia, il Movimento "Noi con Salvini" di Brindisi, diffonde una nota: "Matteo Salvini, il Coordinatore Regionale, Rossano Sasso esprimono grande soddisfazione e gratitudine per l'attività di prevenzione sul territorio, svolta  dalla Digos di Brindisi, coordinata dalla Dda di Lecce e dalla Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo,  che ha portato all'arresto di Lutumba Nkanga, congolese identificato presso il Centro di identificazione ed espulsione di Brindisi  nei giorni successivi all'attentato di Berlino, ed alla espulsione di Amri Soufiane, di nazionalità marocchina, in contatto con l'attentatore e con una cellula salafita operante nella capitale tedesca, composta da 11 membri".
 
Salvini Puglia1
 
"Nonostante le difficoltà quotidiane e le congenite carenze di organico, la Digos opera con costante senso del dovere e spirito di abnegazione a tutela della sicurezza della nostra comunità e del nostro Paese. Il Movimento Noi con Salvini denuncia ancora una volta la pericolosità del fenomeno di migrazione incontrollata sul nostro territorio nazionale, che interessa in modo significativo le città di Bari e di Brindisi, attraverso il quale è ormai certo che si infiltrino cellule terroristiche che mettono a serio rischio la stessa sicurezza nazionale".
 
"Ringraziamo quindi chi quotidianamento opera sul territorio, rischiando la propria vita,  per garantire la nostra sicurezza e per scongiurare episodi nefasti che porterebbero lutto e disperazione, come accaduto in altre città europee . Saremo sempre e per sempre al fianco di chi ha a cuore le sorti del nostro Paese".
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
brindisi centri accogieinza ncspaolo taurinoimmigrati
i blog di affari
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.