A- A+
PugliaItalia
Banca Popolare di Bari è salva, l'assemblea approva la trasformazione in SpA

Hanno votato in più di 35.000 soci e per il 97% si sono espressi a favore dell’aumento di capitale della Banca Popolare di Bari e della trasformazione in Spa, l’assemblea straordinaria - da cui dipendevano le sorti di quello che resta il più grande istituto finanziario del Sud - ha accolto la proposta avanzata dai Commissari, Enrico Ajello e Antonio Blandini, per cui si può dire che “La BPB è salva”.

BPB4

Fallimento scongiurato, quindi, dopo la definizione del patrimonio netto negativo della BPB pari a 346 milioni di € e il successivo accordo con i sindacati, per limitare la mannaia dei tagli a 650 esuberi e la soppressione di 91 filiali.

La sfida delicata, con l'operazione complicata, restava quella di ottenere il via libera dai soci alla trasformazione in Spa e al piano di rilancio: fondato sui soldi stanziati da Fitd e Mediocredito che permetteranno un aumento di capitale di oltre 933 milioni di euro. L’eventuale esito negativo di questo passaggio cruciale, per BPB avrebbe fatto partire la liquidazione coatta - con danni enormi dal punto di vista occupazionale (il licenziamento di oltre 2 mila dipendenti) ed economico per la Puglia e i territori interessati - e l’impossibilità per i 15 mila obbligazionisti di contare sul rimborso al 2021 dei 218 milioni di euro di obbligazioni subordinate, acquistate nei vari anni.

LP 11152763

Con questa votazione gli scenari catastrofici si dissolvono; si vedrà, se come hanno affermato i Commissari: "Nasce la banca 2.0", di sicuro sono state create le premesse per un rilancio e una possibilità più concreta, per fare della BPB il perno di un articolato polo finanziario meridionale.

A esprimere soddisfazione per l’esito dell’Assemblea, è stato anche il ministro dell'Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, che ha sottolineato come: "L'operazione, effettuata secondo logiche e condizioni coerenti con criteri di mercato, segni una svolta rispetto a un passato sul quale sono in corso i doverosi accertamenti".

Per il deputato pugliese del PD, Alberto Losacco: “Con il voto di ieri la Popolare di Bari può tornare a guardare con fiducia al proprio futuro e chiude così la fase cominciata a dicembre con l’intervento del Governo per la messa in sicurezza dell’istituto”.

Alberto Losacco

“Senza quella immediata iniziativa - ha sottolineato Losacco - il lunedì si sarebbe rischiata la corsa agli sportelli, oltre naturalmente a tutte le gravissime ricadute sull’economia regionale e sui lavoratori della banca. Con l’aumento di capitale approvato, vengono garantiti i livelli occupazionali, la banca potrà onorare i propri debiti e procedere con il rimborso degli obbligazionisti”.

“Allo stesso tempo - ha ribadito il parlamentare barese - si proietta in una nuova importantissima dimensione, quella di un Istituto al centro di un nuovo progetto bancario, che sostenga con forza l’economia e lo sviluppo del Mezzogiorno”.

“Il Covid - ha concluso Losacco - ha fiaccato le imprese meridionali, che scontano soprattutto problemi di liquidità. La presenza di un forte partner creditizio sarà fondamentale per la loro ripartenza”.

(gelormini@gmail.com)

Loading...
Commenti
    Tags:
    banca popolare bari assemblea straordinaria approvaroberto gualtierialberto losaccotrasformazione in spa rilancio commissari sociministro
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Covid 19, Gaber si chiederebbe: cos'è la destra, cos'è la sinistra?
    L'opinione di Massimo Puricelli
    Call center, reportage di Luna contro gli operatori telefonici. Non sul lavoro
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Eccellenze Campane e Verace Sudd: anche a Milano arriva la pizza nel ruoto
    Paolo Brambilla - Trendiest
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.