A- A+
PugliaItalia
Bari, il Mare e il Polo del Contemporaneo I progetti per l'ex Mercato del Pesce

Lo spaccato vivace e tipico di espositori e venditori locali continuerà a caratterizzare l’ex Mercato del pesce di Bari. L'edificio di piazza del Ferrarese conterrà, nell’ambito del polo delle arti contemporanee, un grande spazio dedicato ai prodotti tipici agroalimentari ed  enogastronomici e allo street food, salvaguardando e valorizzando così le funzioni mercatali di un luogo, che per Bari è sempre stato di conoscenza e d’incontro, di scambio e socialità.  Aspetti emersi con evidenza nel corso del talk show ‘Il mercato si fa strada’, promosso dall'Associazione ‘Le Muse Curiose’, nata nel 2012 da un’idea di Raffaella Daloiso e Mariavaleria D’Agostino.

Raffaella Daloiso presidente associazione Le Muse Curiose
 

Al centro del dibattito tenutosi nel Fortino di Sant’Antonio, molto partecipato, l’importanza sociale, culturale ed economica dei mercati cittadini. “Il mercato è da sempre luogo che esprime l'identità di una città e – ha spiegato aprendo l'incontro la presidente Daloiso e nel suo essere un po’ culla della cultura e teatro di strada, fatto di suoni, luci e colori, va assolutamente salvaguardato. Siamo certi che l’amministrazione cittadina non vorrà sottrarsi a questa richiesta così diffusa”. 

"Siamo a lavoro per ridare vita al mercato – ha rassicurato Silvio Maselli, assessore comunale alle Culture, Turismo, Partecipazione e Attuazione del Programma per farne un polo attrattivo di Bari, come il mercato della Boqueria lo è per Barcellona. Prodotti tipici e street food saranno protagonisti al piano terra, mentre ai piani superiori spazio espositivo, laboratori e roof garden consentiranno di ospitare incontri, vernissage, proiezioni, ascolti musicali ed eventi vari".

"Ci vorranno pochi mesi per bandire la gara - ha aggiunto Maselli - e due anni, a partire dal prossimo gennaio, per completare i lavori dell’edificio dell’ex Mercato del pesce. Il progetto di Polo del contemporaneo è interamente finanziato dalla Regione Puglia, a valere su fondi di coesione e sviluppo, ai sensi dell'accordo di valorizzazione sottoscritto dal presidente Vendola, dal Ministro Franceschini e dal sindaco Decaro il 23 febbraio scorso”.

MG CapoVerde Colori del mercato Sucupira
 

“La scelta di unire mercato e spazio espositivo – ha sottolineato Eugenio Di Sciascio, Rettore del Politecnico di Bari – è un progetto interessante per la nostra città, che finalmente sta uscendo dalla ‘maledizione del provincialismo’. È un bene che nel progetto di sviluppo si tenga conto di alcune parti della città che erano state dimenticate”.

Mentre Giuseppe Carlone, storico dell’Urbanistica, ha posto l'accento su: "Quanto sia opportuno che si discuta di questi temi con i cittadini, tenendo presente che la storia dei luoghi ci parla di socialità e identità”. “Un fatto economico e sociale dal quale non bisogna sfuggire – ha concordato Vito Albino, docente di Gestione dell’Innovazione al Politecnico di Bari – ponendosi il problema dello sviluppo cittadino e risolvendo i conflitti tra le differenti visioni”.

Decisamente in controcanto l'intervento di Fiammetta Fanizza, docente di Sociologia presso l'Università di Foggia: “Occorre imparare dagli errori del passato. E quelli inamnellati durante la realizzazione del Piano Urban sono stati macroscopici e devastanti per Bari Vecchia".

"Nel ridisegnare la città - ha rincarato Fiammetta Fanizza si dovrebbe avere orecchio per capire come le persone vogliono vivere Bari. L'impressione, al momento, è che il progetto sia ancora confuso e ancorato a una sorta di provincialismo persistente. Un 'ibrido' senza identità o con troppe identità, che guarda più alla sovrastruttura stessa che alcontesto in cui si trova".

berlin reichstag cupola
 

Prendedo di petto lo stesso Assessore Maselli e i suoi riferimenti a Berlino e all'ambizione che Bari nutre nel poterne diventare alternativa di week-end - così come di altre capitali europee - la sociologa Fanizza ha precisato: "A Berlino hanno 'incapsulato' in vetro il passato, per farne testimonianza culturale della e per la città. Un'azione non rivolta ai charteristi o ai crocieristi, ma ai berlinesi: per tener viva la memoria del passato, attaccarli al loro presente e stimolarli e un futuro più bello. Il progetto sia meno ingenuo e più identitario, per la crescità della città e dei baresi. I turisti verranno a mangiare il pesce, se per primi saranno i baresi stessi ad apprezzarlo e a volerlo gustare"

“Di sicuro il percorso intrapreso porterà un contributo innovativo, sviluppando la cultura alimentare a partire dal mercato che contiene già - per Rossana Carullo, docente di Architettura degli Interni e Design Politecnico di Bari – gli elementi base per l’espressione della cucina italiana e che potrà solo arricchirsi grazie a un sapiente uso del food design”.

Mercat pesce Bari1
 

Più didattica la riflessione di Renato Morisco, imprenditore e tecnico culinario: “Penso così ad un luogo che sia anche strumento di educazione e promozione di modelli di produzione e di consumo alimentare, di quella sana alimentazione che, a partire dall’olio e dagli altri nostri prodotti tipici e di qualità, dovremmo sempre più prima condividere, per poterla meglio esportare”.

“Il tutto senza dimenticare che ormai la qualità è strettamente legata al biologico e che – ha concluso Gianluca Sambati, imprenditore (Bioessenza Bari) - queste eccellenze per essere davvero conosciute dovranno avere un posto centrale all’interno del nuovo mercato”.

Muse fortino1
 

‘Il mercato si fa strada’, apertosi con una performance di Maria Giaquinto e Giuseppe De Trizio del gruppo di musica popolare ‘Radicanto’, si è concluso con la distribuzione di frutta e verdure, la degustazione di  vini e oli biologi e l’estrazione di due biglietti con data aperta per l’Expo 2015.

L’evento è stato patrocinato dal Comune di Bari, Assessorato alle Culture, Turismo, Partecipazione e Attuazione del Programma, dall'Associazione Mogli Medici Italiani/sezione Bari e da Inner Wheel Bari. Organizzato da Apulia2Meet by Meeting Planner e realizzato con il supporto tecnico di: Azienda Agricola Biodinamica Lacalamita Rosa - Barili - Biocantina Giannattasio - Bioessenza - Calia Italia - Fatti di Cartone - Grande Albergo delle Nazioni - Mediolanum private banking - Ophirys Bari - Hotel Oriente - Velo Service. Al termine della serata la Meeting Planner ha donato la frutta in esposizione alla Caritas di Bari.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
barimercatopiazza ferraresearte contemporaneamargheritateatromasellimuse
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
"Vorrei fare testamento, ma non mi fido della ex. Come tutelare la mia bimba?"
Di Rebecca Sinatra *
Società Umanitaria. Cyberbullismo tra lockdown e iperconnessione. 8 giugno
Paolo Brambilla - Trendiest
Elefantessa uccisa-morte Floyd: la cattiveria di cui è capace l’uomo
Di Diego Fusaro
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.