A- A+
PugliaItalia
Bari, 'M'illumino di meno' XIII edizione Si spengono Lungomare e Aeroporto

La città di Bari aderisce anche quest’anno a “M’illumino di meno”, la campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico e la razionalizzazione dei consumi promossa sul territorio nazionale dalla trasmissione di Rai Radio 2 Caterpillar, giunta alla tredicesima edizione.

millumino di meno2
 

All’ormai tradizionale spegnimento dei 196 candelabri ornamentali del lungomare storico Nazario Sauro e Imperatore Augusto, nel tratto compreso tra piazza Gramsci e piazzale Cristoforo Colombo, dalle ore 19.30 alle 21, quest’anno si aggiungono una serie di iniziative nuove: lo spegnimento di piazza Mercantile, previsto dalle ore 19.30 alle 21, e quello dell’illuminazione del ponte Adriatico, nel tratto compreso tra la rotatoria con viale della Carboneria e quella con viale Tatarella. In particolare, dalle ore 20 alle 21, saranno disattivati complessivamente 78 corpi illuminanti presenti sullo spartitraffico e intorno alla rotatoria, mentre resterà accesa l’illuminazione dell’antenna del ponte Adriatico e delle due fontane nelle rotatorie.

L’adesione del Comune di Bari alla XIII edizione di questa iniziativa intende testimoniare il cammino intrapreso dall’amministrazione comunale sul fronte dell’efficientamento energetico attraverso l’utilizzo della tecnologia Led sia negli impianti di pubblica illuminazione di nuova esecuzione sia in quelli oggetto di manutenzione straordinaria, e non solo.

millumino di meno1
 

È questo il caso del nuovo ponte Adriatico, ubicato lungo un nuovo tratto stradale urbano di scorrimento, lungo circa 1 km e illuminato dai 78 apparecchi luminosi a Led, ciascuno della tipologia da 135 W, che garantisce un risparmio di circa il 50% rispetto all’utilizzo di lampade tradizionali. Solo per questo tratto di strada, il risparmio che il Comune di Bari consegue annualmente è stimato infatti in circa 10mila euro, considerando il costo medio pagato per l’energia elettrica per gli impianti di pubblica illuminazione, pari a 0,229 €/kwh, e ipotizzando un’accensione giornaliera media di almeno 10 ore.

millumino di meno ponte
 

Altri importanti impianti pubblica illuminazione a Led sono in corso di esecuzione nell’ambito della riqualificazione del waterfront di San Girolamo, dove sono previsti circa 200 corpi illuminanti, la metà dei quali già installati e funzionanti, nel restyling di via Sparano con circa 123 nuovi apparecchi, nei lavori in gara per l’allargamento di via Amendola, con 79 nuovi apparecchi previsti tra carreggiata e pista ciclabile, e in altri lavori di estensione della pubblica illuminazione di prossima esecuzione, quali il prolungamento della pubblica illuminazione di viale Europa fino alla rotatoria con via Gabriele D’Annunzio, di via San Giorgio martire, di strada Sant’Anna a San Giorgio, di strada vicinale Torre dei Cani a San Paolo, unitamente a interventi già realizzati che, seppur piccoli, hanno consentito di illuminare in maniera efficace via Fratelli Spizzico al quartiere Sant’Anna e parte di piazza Balenzano, nello spazio antistante il mercato.

Agli impianti di pubblica illuminazione si aggiunge il lavoro che si sta portando avanti sugli impianti semaforici cittadini. Sono infatti in corso di sostituzione circa 1073 lanterne semaforiche tradizionali con nuove dotate di luci a Led, che assicureranno un sensibile risparmio energetico insieme a minori costi di manutenzione a fronte di una maggiore durata di funzionamento.

millumino di meno blu
 

“L’iniziativa di Caterpillar serve a richiamare l’attenzione su un tema molto importante, ma che deve essere affrontato concretamente dalle amministrazioni ogni giorno - spiega l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso - sono oltre  30.000 i corpi illuminanti a led su cui stiamo investendo in questi mesi. Le nostre azioni non si limitano solo al contenimento del consumo energetico attraverso l’impiego di queste tecnologie che offrono anche maggiore luminosità, ma mirano anche a ridurre l’inquinamento luminoso diffuso nelle città, tendendo a rimuovere installazioni che direzionano la luce in maniera poco efficace, senza trascurare anche gli aspetti correlati alla riduzione del rischio fotobiologico di cui molto si è discusso negli ultimi anni”.

“In queste ore stiamo definendo i dettagli di una ciclopasseggiata al buio - dichiara l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli - in modo da affiancare al tema del risparmio energetico e alle politiche di abbattimento dell’inquinamento luminoso, la riduzione dell’inquinamento atmosferico e la proposta di stili di vita corretti, come l’utilizzo della bicicletta al posto dell’auto. Nella giornata di venerdì inoltre sarà importante vedere illuminato il lungomare solo dalle luci delle biciclette”.

Anche Aeroporti di Puglia aderisce alla 13^ edizione di  “M’illumino di meno”. Il 24 febbraio, saranno spente le luci della fontana monumentale e della centrale a biomassa dell’aeroporto internazionale Karol Wojtyla di Bari. Sarà poi ridotta l’intensità luminosa in tutta l’aerostazione passeggeri di Bari e, infine, su tutti i quattro scali della rete aeroportuale regionale verranno spente le torri faro di pertinenza dei parcheggi aeromobili non in uso.

millumino aeroportobari
 
L’adesione a “M’illumino di meno” si inserisce nel solco della grande sensibilità degli aeroporti pugliesi a stili di vita e comportamenti “green”. In una nota diffusa, Aeroporti di Puglia segnala "la concreta aspirazione ad anteporre la qualità ambientale a interventi di più facile realizzazione e di maggior resa economica, nella convinzione che ciò costituisca un messaggio dal forte valore sociale che l’importanza della struttura aeroportuale contribuisce a diffondere a una "platea" più ampia e non circoscritta al contesto locale".
 
"In tal senso - continua la nota - sono stati attuati interventi mirati in materia di approvvigionamento energetico, mitigazione dell'impatto ambientale, abbattimento del rumore aeroportuale e riciclo delle acque meteoriche che hanno trasformato gli aeroporti pugliesi in un “laboratorio” sempre più orientato all’uso di tecnologie di ultima generazione e nel quale la progettazione sostenibile è il filo conduttore che lega l'infrastrutturazione della rete aeroportuale pugliese".
 
"L’aeroporto Karol Wojtyla di Bari - si aggiunge ancora - è di per sé testimonianza concreta di questa attenzione. Il piano di efficientamento energetico, la realizzazione della centrale a biomassa per produzione energia elettrica e termica, il parco pubblico, il Centro polifunzionale per l’infanzia realizzato secondo i principi di sostenibilità ambientale e di riduzione del fabbisogno energetico sono solo alcune delle attività realizzate. Per l'ampliamento dell'aerostazione passeggeri di Bari, ad esempio,  sono state adottate soluzioni tecnologicamente avanzate in termini di produzione e di scelte orientate al risparmio energetico e alla sostenibilità ambientale.  In particolare la nuova ala est dell'aerostazione di Bari tiene conto dell'integrazione architettonica dei seguenti elementi:
 
- impianti fotovoltaici;
- sistema di controllo delle schermature delle facciate a "doppia pelle";
- impianto di illuminazione "dimmerabile" e dotato di sensori;
- sistema di regolazione dell'impianto di climatizzazione.
Adp21
 
 
"Contestualmente al processo d’infrastrutturazione, Aeroporti di Puglia - conclude la nota - ha avviato un piano d’interventi integrati finalizzati al miglioramento dell'efficienza energetica dell'aeroporto di Bari. Tra le attività individuate in accordo con Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ENAC e Regione Puglia, rientrano gli interventi di costruzione della centrale di cogenerazione a biomassa, l’efficientamento energetico aerostazione passeggeri, l’integrazione del sistema di efficientamento con impianto di illuminazione ad alta efficienza lungo il viale di accesso all'aerostazione passeggeri e con l’impianto AVL.
 
(gelormini@affaritaliani.it)
 
 
 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
bari m'illumino meno lungomare aeroporto spengono spentiantonio decaro bari palese spegne città bari
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.