A- A+
PugliaItalia
Brindisi, affaire 'Farmacie' scossa giudiziaria in FI

Brindisi - Terremoto giudiziario in casa Forza Italia. 18 mesi di reclusione chiesti per Luigi Vitali (FI), segretario pugliese, già sottosegretario alla Giustizia dal 2004 al 2006 nel governo Berlusconi, e per il senatore Piero Iurlaro (Ala).

farmacia
 

Due anni e due mesi, invece, è la pena richiesta dal pm Valeria Farina Valaori al termine della requisitoria del processo all’ex sindaco di Francavilla Fontana (Brindisi), Vincenzo Della Corte, e a Gabriele Rampino, presidente dell’ordine dei farmacisti e proprietario di una farmacia nella zona 167. 17 in totale gli imputati accusati a vario titolo di abuso d’ufficio e falso ideologico per l’approvazione della delibera sul piano delle farmacie del comune di Brindisi.

L’ipotesi d’accusa ruota intorno al presunto favoreggiamento operato con un atto amministrativo firmato ed avvallato dall'allora maggioranza di centrodestra, che avrebbe impedito l'apertura di nuove farmacie nella stessa zona dove operava il Rampino. Chiesti 1 anno e sei mesi, dunque, per tutti i consiglieri comunali, che votarono la delibera.

(inesmacchiarola1977@gmail.com)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
brindisivitaliforza italiafarmacieterremoto
i blog di affari
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.