A- A+
PugliaItalia
Capitale Italiana della Cultura 2022, i video-spot per Bari e Taranto

La delegazione del Comune di Bari, ha partecipato all’audizione pubblica con la commissione di esperti nominata dal MiBACT e presieduta dal professor Stefano Baia Curioni, per la presentazione del dossier di candidatura a Capitale italiana della Cultura per il 2022.

Bari Schermata 2021

La delegazione barese sarà così composta:

·        Antonio Decaro - sindaco di Bari

·        Ines Pierucci - assessore alle Culture e al Turismo

·        Vitandrea Marzano - dirigente di staff

·        Nicola Lagioia, scrittore (premio Strega 2015), manager culturale in qualità di componente del comitato scientifico

·        Massimo Biscardi, soprintendente della Fondazione lirico-sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari in qualità di componente del comitato scientifico.

L’incontro si è tenuto in videoconferenza ed è atato possibile seguirlo in diretta sul canale YouTube del MiBACT www.youtube.com/MiBACT. Le audizioni delle dieci finaliste si terranno anche nella giornata di venerdì 15 gennaio: sarà poi compito della commissione indicare al ministro dei Beni e attività culturali e Turismo, Dario Franceschini, il progetto di candidatura più idoneo alla designazione della città Capitale italiana della Cultura per l’anno 2022 entro lunedì 18 gennaio.

E se Bari ha dato un taglio cinematografico al suo video di presentazione a cura del regista Alessandro Piva,  per raccontare il capoluogo pugliese attraverso una carrellata di volti con scorci del paesaggio urbano a fare da sfondo e una suggestione finale, “capitale umana” - a sottolineare il valore di una comunità molteplice e coesa - Taranto e la Grecìa Salentina si sono affidati alla poesia,  attraverso un altro regista, Pippo Mezzapesa e l'Agenzia Proforma: “La cura per ogni cosa è l'acqua salata. Sudore, lacrime o il mare”, questo il messaggio trasmesso,  per andare al cuore delle cose e tentare di conquistare il titolo ambito.

Le parole di Karen Blixen per spiegare l'essenza della Città dei Due Mari. Col il sudore dei giochi dei bambini, la suggestione dei penitenti incapucciati delle processioni pasquali, il mare dei delfini e quello delle cozze; le linee moderne della Cattedrale di Giò Ponti e, ancora, il mare che assiste silenzioso al passare del tempo e con la sua presenza rassicura. 

(gelormini@gmail.com)

------------------------ 

Pubblicato in precedenza: Capitale Italiana della Cultura 2022 Bari-Taranto fanno fronte unico

 
Loading...
Commenti
    Tags:
    capitale italiana cultura 2022 bari audizione videoalessandro pivaines pierucciantonio decaronicola lagioiatestimonial
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Covid, chiusura frontiere? Solo la UE dice no
    Massimo Puricelli
    Crisi di governo, l’horror show del trasformismo politico mortifica l'Italia
    Di Tiziana Rocca
    Se la sinistra lotta contro Gramsci, è doveroso lottare contro la sinistra
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.