A- A+
PugliaItalia
Cataldo Motta ultima indagine La Puglia tutta gli è riconoscente

Una vita al servizio dello Stato. Una carriera che approda all'ultima indagine con un'ennesima brillante operazione: il Procuratore della Repubblica di Lecce, Cataldo Motta, ha concluso la sua ultima indagine, che ha portato all’arresto di 54 esponenti della criminalità organizzata salentina.

Tra i primi ad esprimere gratitudine e apprezzamenti è il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano: "Il Procuratore Motta ha insegnato a generazioni di magistrati e a tutta la comunità pugliese i valori dell’antimafia, quella concreta e quotidiana. Le parole usate oggi nella conferenza stampa in cui ha illustrato gli esiti della indagine sono ancora una volta un riferimento per noi tutti: è necessario che ciascuno agisca per togliere alle mafie il consenso sociale".

Motta Cataldo4
 

"Al procuratore Motta va la mia personale gratitudine per gli insegnamenti che mi ha impartito e la riconoscenza di tutto il popolo pugliese, che in lui ha trovato un esempio di straordinaria professionalità, integrità, dedizione al dovere. Sono orgoglioso di avere lavorato al suo fianco e di avere appreso da lui ciò che solo lui avrebbe potuto insegnarmi”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
cataldo motta michele emiliano indagine statocataldo motta lecce pensione carriera servitore
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.