A- A+
PugliaItalia
Cerano (Br), allarme CNR Lettieri (CeRI): "Vigilare!"
“I dati emersi dallo studio dei ricercatori del Cnr di Lecce e Bologna sugli effetti inquinanti della centrale termoelettrica di Cerano, a danno della salute dei cittadini, con particolare riferimento al particolato secondario, sono allarmanti e non vanno sottovalutati, tantomeno ignorati o liquidati come fuorvianti, lo dichiara in una nota Luigi d’Ambrosio Lettieri (Conservatori e Riformisti italiani), componente Commissione Igiene e Sanità del Senato.
lettieri3
 
 
"Occorre, invece, approfondire la situazione che registra 44 morti all'anno nella zona di Brindisi, Taranto e Lecce - aggiunge Lettieri - e a questo scopo porterò la questione in Commissione Igiene e Sanità del Senato, proponendo una indagine conoscitiva perché si possa procedere con le audizioni degli organismi competenti".
 
"I dati epidemiologici, peraltro in zone di particolare impatto ambientale anche per la presenza di siti industriali, meritano grande attenzione. I casi dell’Ilva di Taranto o della Fibronit a Bari - conclude il senatore fittiano - sono sotto i nostri occhi e sulla pelle di tante persone purtroppo decedute, ammalatesi o che si ammaleranno e devono imporci un atteggiamento di maggiore cautela, nella direzione opposta alla negazione del problema e alla indifferenza. Abbiamo il dovere di farlo”.
 
Tags:
'ambrosio lettiericeranocentralecnrleccebologna
i blog di affari
Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
Di Ernesto Vergani
Faccia a faccia Salvini-Draghi: "Cosa ho chiesto al premier"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.