A- A+
PugliaItalia
Coronavirus, Decaro chiude i parchi: 'Andate via, mi avete costretto a farlo'

Il problema è trasversale, anzi ‘longitudinale’ ovvero lo stesso lungo tutto stivale.

parchi4

Gli italiani sono fondamentalmente indisciplinati: dinanzi a una regola non scatta il senso responsabile dell’osservanza, bensì lo stimolo o la sfida a trovare ‘rapidamente’ l’escamotage per aggirarla. Almeno, nella gran parte di loro.

Non si contano, in queste settimane, in questi giorni, persino in queste ore le testimonianze di irresponsabilità, che mettono regolarmente a rischio la salute di tutti. E’ una sorta di sindrome da ‘cupio dissolvi’. Dalla fuga alla stazione di Milano, affollando i treni in partenza prima del varo del decreto ministeriale sul blocco nelle zone rosse, alla movida diffusa anche dopo il secondo decreto di blocco totale sul territorio nazionale.

parchi1

E così si è dovuti ricorrere alla chiusura completa di tutti i negozi, bar compresi, al momento per due settimane. Ma non si contano gli atti di cosiddetto ‘menefreghismo’ e le partite a calcetto organizzate negli spazi pubblici “Tanto il virus colpisce gli anziani”…, o la ressa alle imbarcaderi per l’Albania o altrove, nonostante le Stazioni Portuali abbiano tanto spazio a disposizione da garantire ben oltre il metro di distanza raccomandato ripetutamente.

E adesso è la volta anche dei Parchi e dei Giardini Pubblici. A Milano, a Roma, a Parma. Infatti, la sindaca di Roma Virginia Raggi firma un'ordinanza per la chiusura dei parchi cittadini, così come fa a Milano il sindaco Giuseppe Sala. Si tratta di un modo per impedire che il contagio nelle aree verdi, che continuano ad essere affollate in questi giorni, facendo registrare pericolosi assembramenti che possono favorire il contagio del virus.

parchi2

Provvedimento già adottato dal presidente dell’ANCI e Sindaco di Bari, Antonio Decaro, che è andato personalmente nei parchi cittadini con i Vigili Urbani a ‘cacciare’ chi vi stazionava, invitandoli a tornare a casa e a rispettare le regole e scusandosi dicendo: “Mi avete costretto a farlo”.

“È necessario farlo - ha dichiarato Sala - 'ovviamente i parchi non recintati non potranno essere chiusi, ma invito tutti a un comportamento in linea con le regole stabilite. Ed anche a Parma Federico Pizzarotti ha inviato un messaggio telefonico a tutti i parmigiani, annunciando anche la chiusura dei parchi. Così come resteranno chiusi anche i cancelli di numerosi cimiteri, dove saranno consentite, invece, solo le tumulazioni. 

(gelormini@affaritaliani.it)

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirus parchi bariantonio decarocostretto giardinigiuseppe salavirginia raggimilano roma
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Giustizia penale, dalla Lega una proposta utile, ma la sinistra non la leggerà
    di Annamaria Bernardini De Pace
    Lockdown, meno 630mila fumatori di bionde. Aumentano l'e-cig 218mila.
    di Mariella Colonna
    Ascolti tv, La casa nel bosco di Antonella Clerici diventa un format
    Francesco Fredella
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.