A- A+
PugliaItalia
Dici Primitivo e pensi alla Puglia, ma in California il cugino americano...

Che cosa significa autoctono? L’origine del termine è greca: viene da autòs, stesso e ktòn, terra, ossia dalla propria terra. Autoctono è sinonimo di nativo, o indigenoe indica qualcosa che è nata ed è propria di un dato luogo.

 

In senso stretto forse nessuna delle numerose varietà di uva da vino del nostro paese è davvero autoctona, provenendo esse, alla lontana, molto probabilmente, dalla Grecia o dall’Asia Minore. Del resto non c’è nulla che abbia viaggiato più della vite al seguito dell’uomo: soldati, religiosi, mercanti hanno portato con sé le loro barbatelle e le hanno piantate nelle loro destinazioni.

MANDURIA grappolo primitivo
 

 

La marcia della vite, da est a ovest e da sud a nord, è stata inarrestabile. Oggi sarebbe davvero difficile dire in modo certo da dove provenga una qualunque varietà europeaNon sorprenda perciò troppo sapere che c’è uva nebbiolo (sì, quella del Barolo e del Barbaresco), anche in Australia e in America, dove, insieme con il Sangiovese toscano,  rientra tra le varietà di diverse AVAs (American ViticulturalAreas, le loro DOC). E i vini che se ne ricavano, pur diversissimi,  non sono neanche tanto male. 

 

Ma consideriamo una varietà tra le più caratteristiche e popolari della Puglia: il primitivo, che Mons. Indellicati descrisse per la prima volta alla fine del ‘700, anche se molto probabilmente vi esisteva già da qualche secoloIl primitivo è una varietà che deve il suo nome alla sua precocità che la caratterizza praticamente in tutte le fasi della sua crescita, dalla fioritura al cambio di colore, fino alla maturazione: è la prima a maturare e viene normalmente raccolta in agosto. 

 

SAN MARZANO vigneto PRIMITIVO
 

Difficile indicare una varietà di uva “più” pugliese del primitivo, e sicuramente é una di quelle maggiormente coltivate nella nostra regione, con i suoi 11.000 ettari di vigna.  Eppure questa estensione enorme impallidisce rispetto agli oltre 20.000 ettari presenti nella sola California. Ora ce n’è anche nello stato di Washington e in Oregon, ma è in California che il primitivo édiventato popolarissimo, forse la varietà più amata di questo territorio, che per lungo tempo lo ha creduto una propria varietà autoctona.

San Marzano 60
 

 

In realtà il primitivo non è né di origine pugliese, né californiana : sulla West Coast è arrivato probabilmente alla metà dell’800 dall’UngheriaLa versione dell’ ungherese Agoston Haraszthy, che, immigrato in California nel 1837, vi avrebbe piantato diverse varietà di viti europee tra le quali lo Zinfandel, prima di fondare una sua casa vinicola, è forse solo uno dei molti capitoli (forse anche un po’ leggendario) della storia delle origini del primitivo o zinfandel, nome con cui è conosciuto negli USAla famosa Zin Story”, che tanto ha appassionato gli enologi.

 

Zinfandel california
 

Se le origini lontane (i mercanti Fenici, i coloni greci provenienti dall’Illiria, i monaci benedettini provenienti dalla Borgogna) sono ancora tutte da chiarire, quelle più vicine sono oggi più chiare. La somiglianza genetica del primitivo e dello zinfandel è stata definitivamente provata nel 1994 da Carole Meredith e John Bowers. Quale sia invece il suo antecedente croato, bocciato il plavac mali, si pensa sia il crljenak kastelianski , un sinonimo di una varietà nota in Croazia già dal XVI secolo e dunque la vera madre del Primitivo e del suo cugino americano, il tribidrag.

 

Se dunque il Primitivo pugliese non è in grado di soddisfare un criterio letterale di autoctonia, perché ha quasi sicuramente avuto origine altrove, può comunque soddisfarnun altro, appena un po’ più debole: si tratta infatti di una varietà molto diffusa localmente (é la seconda varietà della Puglia per estensione, dopo il Negroamaro), è da molto tempo (almeno tre secoli, a quanto si sa) presente sul territorio, ed é l’uva dalla quale si producono vini molto caratteristici e fortemente distintivi della regione, tanto che chi dice Primitivo, non potrebbe fare a meno di pensare alla Puglia.

 

---------------------------

 

Pubblicato in precedenza: La pluralità autoctona pugliese: antidoto al consumatore globalizzato

 

Pubblicato sul tema: Il Consorzio Primitivo di Manduria a Collisioni 2016 - Il festival “Agrirock”

Iscriviti alla newsletter
Tags:
primitivo puglia autoctonoprimitivo puglia californiaprimitivo puglia cugino americano
i blog di affari
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia
Unioni civili, l'iter da seguire se si vuole divorziare
di Avv. Francesca Albi*
Svizzera, sì al Green Pass: il golpe globale del regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.