A- A+
PugliaItalia
DPCM, il Governo si incarta e i Governatori corrono ai ripari

La questione non è di poco conto, soprattutto a livello giuridico istituzionale. I DPCM si susseguono senza sosta, per far fronte alle impennate di contagi da Coronavirus, e la confusione sulle autonomie decisionali - garantite dalla Costituzione e che vanno comunque tutelate - rischia di produrre effetti a sorpresa e creare precedenti pericolosi.

regioni confronto

E’ in particolare su tale fronte che si consuma, in queste ore, il braccio di ferro tra Governo e Regioni, oltre naturalmente a tutto quello che riguarda le reazioni dei diversi settori ‘toccati’ dalle necessarie e aspre restrizioni, che tornano a mortificare le speranze di una timida ripresa, dopo i duri mesi di lockdown a causa del Covid-19.

In pratica, a fine ottobre c’è stato un primo DPCM che annunciava il ripristino - in forma soft - di alcune limitazioni, per fronteggiare il riaccendersi dei focolai pandemici. In quel DPCM si prevedeva che le Regioni, nella loro autonomia, potessero decidere provvedimenti ulteriormente restrittivi, laddove ne ravvisassero la necessità o le condizioni sanitarie locali lo richiedessero.

Conte Emiliano 24

E’ evidente che tali provvedimenti, rafforzando le disposizioni restrittive governative, assumessero formalmente un peso superiore all’atto prodotto dal Governo. Va in tal senso, per esempio, l’ordinanza n. 407 del 28 ottobre 2020 del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha sospeso la didattica in presenza nelle scuole pugliesi di ogni ordine e grado.

Col nuovo DPCM, che istituendo le macro-aree ‘rosse, arancioni e gialle: ha indicato le varie modalità per lo svolgimento delle lezioni e per le aperture delle diverse tipologie di scuole, non è possibile che un atto legislativo dagli effetti di forza inferiore possa tornare a modificare quelli di forza superiore prodotti dalle ordinanze dei Governatori.

Ecco perché si arriva alla nota del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e del prof. Pier Luigi Lopalco, in cui comunicano che l’Ordinanza num. 407 del 28 ottobre rimane in vigore fino alla scadenza del 24 novembre 2020.

Bonaccini Mattarella

Nota che si preoccupa di indicare anche la strada per uscire dall’impasse a livello locale: “Al fine di andare incontro alle esigenze formative ed alla volontà delle famiglie che desiderano per i loro figli la didattica in presenza, il Presidente della Regione, a richiesta dell’Uffcio Scolatico Regionale, è disponibile a consentire ai dirigenti degli istituti scolastici di aumentare la quota di didattica in presenza attualmente autorizzata, fino a soddisfare le richieste delle famiglie, compatibilmente con le previsioni del nuovo Dpcm e sempre che le condizioni epidemiologiche lo consentano”.

WhatsApp Image 2020 11 04 at 20.22.58

La stessa nota indica la via d’uscita anche a livello esecutivo nazionale: “Ove il Governo nazionale ritenga assolutamente necessaria la riapertura della didattica in presenza, secondo le previsioni del Dpcm promulgato ieri, potrà richiedere espressamente la revoca dell’ordinanza del Presidente della Regione Puglia che la valuterà di intesa col Ministro della Salute”.

Diciamo che anche per questo tipo di situazioni, il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, ha voluto prorogare di un giorno l’entrata in vigore dell’ultimo DPCM.

(gelormini@gmail.com)

Loading...
Commenti
    Tags:
    dpcm governo incarta governatori regioni ripari decreto ordinanzamichele emilianogiuseppe contescuole lockdown covid-19
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Equità e cure, Intelligenza Artificiale in guerra, borse di studio, nuove app
    Boschiero Cinzia
    Chiuse 300.000 aziende, aperte 85.000: un aiuto per sopravvivere al Fisco
    Gianluca Massini Rosati
    Il grande cuore di Aviva Wines, ecco l’iniziativa solidale con Fedez
    Francesco Fredella
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.