A- A+
PugliaItalia
Eagle LNG, il gas dall'Albania con basso impatto ambientale

E’ vicina la fase finale per il via libera alla realizzazione del gasdotto tra Italia e Albania, che consentirà di portare in Italia un volume tale da soddisfare fino al 10% della domanda di gas. Il progetto Eagle LNG, è stato presentato a Roma alla presenza del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e prevede la costruzione di un gasdotto sottomarino che, grazie a un rigassificatore posizionato su nave a 5 km dalla costa dell’Albania, porterà in Italia dai 4 agli 8 miliardi di metri cubi di gas l’anno, arrivando sulla costa pugliese senza significativi impatti sull’ambiente marino e terrestre e senza dover abbattere ulivi secolari. 

Eagle relatori
 

 

●     Il progetto prevede una pipeline sottomarina di 100 km e un gasdotto in Puglia di 18 km

●     L’investimento complessivo è di 660 mln di euro

●     In attesa della certificazione VIA, ottenuto il supporto della Regione Puglia e il riconoscimento  della UE

La pipeline sottomarina coprirà i 100 km di distanza tra le due coste e sarà posata a circa 800 metri di profondità massima. Il corridoio a terra, situato a sud di Brindisi, sarà lungo meno di 18 km dall’approdo al punto di connessione con la rete di Snam Rete Gas. “Il sito individuato non ricade all’interno di aree protette e attraversa aree a scarso sviluppo urbano, mentre il tragitto corre in massima parte in parallelo e a breve distanza da una strada provinciale, senza quindi incontrare estese piantagioni di ulivi o altre colture agricole da sacrificare”, sottolinea Edmondo Falcione chairman del Gruppo Falcione promotore del progetto.

 

Il costo complessivo del progetto, che si avvale della consulenza legale di Nextlaw Società tra Avvocati, si aggira sui 660 milioni di euro e comprende l’investimento per la nave con rigassificatore e la realizzazione della pipeline.

Eagle gasdotto navi
 

Eagle LNG ha già ottenuto le autorizzazioni necessarie dal governo di Tirana ed è in attesa di ricevere il nulla osta VIA dal ministero dell’Ambiente la cui Commissione Tecnica, nella fase di consultazione, non ha rilevato elementi di incompatibilità ambientale.  Il progetto ha inoltre ottenuto fin dall’inizio il supporto della Regione Puglia, favorevole all’iniziativa anche per la validità del piano che non è in conflitto con l’economia agricola e turistica del territorio.

“Eagle LNG - afferma Fabio Greco managing director del progetto - è una infrastruttura energetica d’importanza strategica per l’Italia e per l’Europa poiché riduce il rischio geopolitico di approvvigionamento gas con forniture economiche e sicure di provenienza diversificata con prevalenza USA,  senza essere costretti alla dipendenza da un unico paese fornitore e  senza dover attraversare paesi politicamente instabili”.

Per la validità del progetto, Eagle LNG è compreso dal 2013 negli annuali decreti del Ministero dello Sviluppo Economico di aggiornamento della rete nazionale dei gasdotti, mentre dall’Unione europea ha ottenuto il riconoscimento come Project of Energy Community Interest assegnato a dieci infrastrutture per l’approvvigionamento di gas ritenute strategiche per gli interessi energetici dell’Europa e dei Balcani.

eagle gasdotto tubi
 

Secondo le dichiarazioni di Michele Emiliano, riportate da Askanew: "La vicenda Tap, il gasdotto che approda in Puglia a Melendugno non è chiusa", il Governatore pugliese di dice: " Più favorevole al progetto del gasdotto Italia-Albania, con una nave di rigassificazione al largo delle coste albanesi, promosso dall'azienda molisana Eagle Lng."

eagle lng
 

"La vicenda Tap - ha detto Emiliano - non può essere chiusa perchè alla luce degli elementi che oggi abbiamo è evidente che mentre quell'opera è legata a equilibri geopolitici precari, basterebbe un cambio di regime politico nei paesi produttori e noi perderemmo un'infrastruttura che è costata moltissimo agli europei, con i 30 miliardi di finanziamenti, questa invece è un'opera italo-albanese nell'Adriatico che potrebbe essere custodita in sicurezza dai 2 paesi".

"Ricordo che l'Albania è uno dei maggiori partner dell'Italia e della Puglia. I due progetti - ha precisato Emiliano - non sono alternativi e dovranno essere esaminati entrambi con le stesse regole, perchè non è possibile che uno dei 2 progetti sia gradito a qualcuno e l'altro non sia nemmeno stato esaminato. Praticamente abbiamo il Tap, l'Eagle e Poseidon e quando volete discutere con la Puglia? Prima iniziamo e meglio è".

​(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
eagle lng gas albania italia impatto ambientale bassomichele emilianonave off-shore rigassificatore
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.