A- A+
PugliaItalia
Festival Valle d'Itria 'Baccanali'. Desideri e turbamenti in chiave barocca

Purezza Interpretativa ed empatia con il pubblico fremente nell’applauso. Desideri: una costante oscillazione nella prima rappresentazione moderna di "Baccanali".

Valle dItria Baccanali1
 

Nel chiostro di San Domenico a Martina Franca, il barocco fa da giusto scenario ai preziosismi artistici, architettonici e musicali di questa opera, rappresentata la prima volta nel 1695 per il carnevale, presso il Piccolo Teatro Elettorale di Hannover, con libretto di Ortensio Mauro e musica di Agostino Steffani.

Valle dItria 2016
 

Lo spazio aperto del chiostro raccoglie in maniera intensa il contatto con la natura e la terra muove sensazioni importanti, mentre arie e danze si alternano lievi e dove i personaggi stesi sul prato a perder tempo, diventano il tempo giusto del turbamento erotico di quando fanciulli si è scossi dall’eros e la danza aiuta a rendere visibile il linguaggio del corpo.

La dualità fra scena e platea si annulla e lo spazio di Baccanali, diventa spazio imprevisto in cui siamo tutti immersi e quando gli interpreti scendono fra il pubblico, il loro tocco leggero è turbante ed erotico insieme. Entriamo in un mondo dove si danza al ritmo dei desideri, dello sconvolgimento dei sensi, dell’esaltazione del corpo. Il mondo di Baccanali, entusiasma perché festeggia la vita.

Valle ditria 2016 3
 

La nuova edizione di Martina Franca, sull’edizione critica di Cinthia Pinheiro Alireti, con costumi di Manuel Pedretti, scene di Alessia Colosso e luci di Marco Giusti, vede la partecipazione degli studenti dell’Accademia del Belcanto e le musiche dell’ensamble “Cremona Antiqua” che utilizza riproduzioni di strumenti d’epoca. Le coreografie sono della ballerina americana Ransom Phillips.

Tags:
festval valle d'itria baccanalimartina franca festival valle d'itria 2016baccanali agostino steffani festival valle d'itria
Loading...
i blog di affari
Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lotta contro il razzismo, l'ennesimo strumento di controllo del tecnocapitale
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.