A- A+
PugliaItalia
'Fortuna Dautore' semi di speranza tra le pagine dei libri vincitori

C’è più di un trait d’union che lega e tiene insieme i lavori letterari della terna vincitrice, per la sezione Saggistica, del Premio “Fortuna Dautore”, alla sua seconda edizione, che ha goduto - per la cerimonia conclusiva con le premiazioni - del palcoscenico unico e suggestivo della Terrazza del Fortino Sant’Antonio sul Lungomare di Bari.

Dautore books
 

E’ la trama a maglia stretta che li attraversa e ne diventa elemento di forte interesse per i lettori, nonché chiave di lettura stessa per ogni analisi o riflessione socio-culturale, che inevitabilmente essi stimolano: “L’attenzione per gli altri, per i giovani in particolare, come staminale ri-generante per la società e le comunità in crisi di valori e prospettive”. Le medesime da tempo alla deriva, per quel pessimismo diffuso - un tempo “cosmico”, oggi globale e accidioso - che con inclemenza spegne ogni sorta di entusiasmo.

Echi nel vento del Sud, che nelle gole sgomenti e “arrossate” di territori martoriati, mortificati e teatro di drammatiche e spesso tragiche ‘rappresentazioni del vero’, come la Campania e la Calabria, riescono ancora a trovare la forza per far sentire chiari e solidi fili di voce esortativa, che diventano conforto e stimolo per una tenuta generale a maglia larga.

Dautore Bruscino
 

A vincere è stato Angelo Bruscino autore e imprenditore irpino con "IL BIVIO" - Mondadori Edizioni. Il suo saggio analizza e racconta la dispersione scolastica e l'ammortizzatore sociale: famiglia. Credendo fortemente nella “meglio gioventù italiana” e nella “forza dei loro sogni, che saranno la realtà del domani”, esorta tutti ad ascoltarli e ad aiutarli ad essere propulsori di cambiamento: culturale, sociale ed economico.

Non abbandonarli alla crisi di valori (legalità, etica, etc.) e allo smarrimento di una generazione fin troppo "nominata", ma mai ascoltata. Sostenerli, invece, nella loro creatività e nella spontanea intraprendenza diffusa. Consapevoli che “I nostri giovani restano la più grande risorsa, a cui attingere per rinnovare e innovare il nostro sistema Paese”.

Il breve saggio di Angelo Bruscino, con incisiva sintesi e scorrevole esposizione, evidenzia nel racconto, i nostri giovani - una risorsa sempre più rara, dati i tassi di natalità nazionali - come l'unica e concreta modalità per guardare il futuro con sentimenti di speranza e non di paura.

Sarà anche per questo, che il lavoro si apre con una sorta di riconoscimento generazionale da parte dell’Autore: "Questo libro è dedicato a tutti quei padri che hanno saputo prendere i figli per mano e lavorare insieme al futuro del Paese".

Dautore Maggiani Cascella
 

Un privilegio che a Giovanni Durante, padre di Annalisa, a Napoli è stato negato. Ma l’encomiabile reazione al duro colpo, inferto con cieca violenza, meritava il racconto di Paolo Miggiano, autore di "Ali spezzate" - Ed. Di Girolamo.

Questo libro non è un saggio, ma una testimonianza emozionante dell'azione "saggistica" di Giovanni Durante-padre, tesa a tener "vivo" il ricordo di sua figlia Annalisa - vittima innocente e fin troppo casuale della lotta omicida fra bande camorristiche - attraverso la narrazione quotidiana di uno sforzo culturale incessante, plurale e partecipato.

Questo libro, in sintesi, è uno scrigno di "saggezza popolare" intrisa di dignità, di mortificazioni e di tanta voglia di gridare al mondo la propria stanchezza, per farne un inno di libertà, di riscatto e di forza d'animo mediterranea. Pensare e lottare per far nascere una biblioteca nello stesso punto, in cui Annalisa è caduta esanime sotto i colpi ciechi della Camorra, è autentica nobiltà d'animo piegata alla finalità "alta" della cultura, quale strumento di affrancamento da ogni costrizione e da qualsiasi asservimento di quartiere. Per questo riparare quelle ali è il compito che ciascuno di noi deve assumere come impegno collettivo contro ogni bieco sopruso.

Paolo Miggiano, leccese di origine e casertano d’adozione, lo sottolinea con emozione: “Giovanni Durante ha solo la V elementare, ma ha capito che mettendo un libro, in mano a un bambino – e non una pistola o una bustina – ha innescato un processo virtuoso destinato a far breccia e a lasciare il segno nelle coscienze di mondi disperati. E’ il seme di speranza che Giovanni sparge con la sua Libreria-diffusa a Forcella”.

Perri65
 

Altra frontiera sul “prossimo” è quella analizzata e raccontata da Rolando Perri, calabrese, con "Élisabeth Rousset - Boule de suif", Edizioni Helicon. La pietra di scarto che diventa pietra d'angolo. É questo il motivo dominante del raffinato saggio letterario di Rolando Perri, dedicato all'approfondimento critico di una celebre novella di Guy de Maupassant.

Dautore Angeli3jpg
 

L'introspezione in una vicenda senza tempo, che è riflesso di ogni avventura di migranti. La nobiltà di sentimenti e la ricchezza morale che sopravvivono alla disperazione e all'emarginazione quotidiana, schiaffeggiate dalla volgarità dell'egoismo (Mors tua, vita mea!), che fa soccombere l'animo e lo slancio umanitario, nel duro passaggio della "prova".

Un elegante esercizio letterario, per svelare - ancora una volta - la vivacità gratuita della bellezza interiore: quella che rende autenticamente nobile non solo l'animo, ma l'indentità stessa di ogni persona.

Tre sfaccettature di un problema complesso, che gli autori premiati hanno affrontato con le loro armi “a salve”, provando anche a promuovere la lettura nella regione che vanta non poche esperienze editoriali eccellenti - una su tutte quella della Casa Editrice Laterza - ma che si colloca in fondo alle classifiche proprio per il numero di lettori sul suo territorio e per la quantità di libri letti.

La serata finale, molto partecipata, è stata condotta da Mariella Lippo e Maria Passaro, aperta dalla performance della coreografa e danzatrice Elisa Barucchieri, e intervallata dal revival jazz, chitarra-fisarmonica, dei musicisti Mike Zonno e Leo Di Gioia.

Dautore people2
 

La giuria della sezione Saggistica era composta da Giuseppe Cascella, presidente della commissione consiliare Culture del Comune di Bari, da Andrea Leccese, scrittore, e da Antonio V. Gelormini, scrittore e giornalista di Affaritaliani.it

Le photo dei premiati sono di Luciano Anelli.

(gelormini@affaritaliani.it)

---------------------------

Pubblicato sul tema: Premio Fortuna Dautore Bari - Fortino S. Antonio

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fortuna dautore premio barifortuna dautore angelo bruscinofortuna dautore paolo maggianifortuna daure speranza
i blog di affari
"Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica
Super Green Pass, arriva il giorno della discriminazione sotto forma di legge
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Alla pubblicità serve un nuovo format, il Carosello 2.0
di Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.