A- A+
PugliaItalia
Gioia del Colle, Manduria o Sava Primitivo, 'What else?'

I vini Primitivo pugliesi e gli Zinfandel californiani, lo sappiamo, provengono dalla stessa varietà, ma quanto sono simili al gusto?  La differenza appare oggi meno marcata di un tempo, anche perché, specie a partire dagli anni 2000, diversi produttori pugliesi hanno cominciato a guardare all’altra parte dell’Oceano, e a produrre vini Zinfandel-like, caratterizzati da  un frutto ultra-maturo, maggiore concentrazione, spesso con un impiego più importante del legno.

Zinfandel california
 

Nelle versioni più originali, il Primitivo pugliese risulta più ricco di sfumature erbacee,  con un frutto più fresco e meno sciropposo. L’identità del vitigno è in ogni caso ben riconoscibile: sia i  Primitivo che gli  Zinfandel  sono piuttosto densi e ricchi di alcol, hanno aroma caratteristico di frutta  scura macerata sotto spirito (soprattutto ciliegie nere e prugne), confettura di fragole e sottobosco, spesso  vi sono avvertibili  note di  tabacco e cacao.

Anche in California, naturalmente,  ci sono Zinfandel eccellenti, di grande personalità e intensità, come quelli di Seghesio e Ravenswood, per citarne alcuni, ma i vini pugliesi, specie quelli più fini, sono deliziosi e hanno una grande (e perciò temibile: non dimentichiamo il loro tenore di alcol) bevibilità. In realtà, anch’essi sono tutt’altro che omogenei, dovendo necessariamente  distinguere almeno tra quelli prodotti nell’area di Manduria  e quelli di Gioia del Colle, le due aree più classiche del Primitivo della nostra regione.

Vino Polvanera primitivo GdC
 

Probabilmente il primitivo di Gioia del Colle è leggermente più antico, e si diffuso solo successivamente nel territorio di Manduria. Anche  se oggi  molti produttori impiegano ceppi geneticamente identici, i vini che vi si producono sono molto differenti e riconoscibili anche a palati non eccessivamente esperti. Non potrebbe essere diversamente: Gioia del Colle è più in alto, ha un clima caratterizzato da temperature annuali più basse e da maggiori escursioni termiche, le vigne vi sono piantate su suoli più calcarei, ricchi di minerali, mentre a Manduria i sono  più ricchi di argille e sabbie rosse.

IMG 2383
 

I vini di Gioia sono generalmente più freschi e nervosi, più acidi e minerali,  con una struttura tannica più fine, di contro alla maggiore potenza delle versioni di Manduria, naturalmente più ricchi e opulenti. Buonissimi entrambi, ma quanto diversi pur nella ovvia “somiglianza di famiglia”.

Poi, naturalmente, vi sono differenze più sottili, anche all’interno della stessa DOC: ad esempio i Primitivo prodotti nel territorio di Sava, pur rientrando perfettamente nella DOC Primitivo di Manduria sono piuttosto differenti, anche se non è sempre facile distinguere quanto dipenda dal terroir e quanto dagli stili di vinificazione dei produttori.

Polvanera ceppo
 

A Gioia del Colle, senza con ciò voler  fare alcuna classifica, Polvanera con il suo cru Montevella, e Chiaromonte, con il suo Contrada Barbatto, producono alcune delle migliori espressioni di questa varietà. Ma in generale la qualità è notevolmente cresciuta  in tutta l’area di produzione, specie in questi ultimo decennio.

IMG 2186
 

Tra i cugini di Manduria non si può non ricordare il poderoso Es di Gianfranco Fino: quando assaggiai la prima vendemmia, quella del 2004, restai stupito da un vino che pure se non privo di difetti (tra cui la sua straripante alcolicità, 18, 6°), era straordinario per intensità e personalità. Nel corso degli anni Fino ha trovato il punto di equilibrio e il suo Es è sempre tra i migliori in assoluto.

Di stile diverso, ma davvero eccellente è il Primitivo Old Vines di Morella, prodotto dalla bravissima e appassionata enologa aussie Lisa Gilbee. Sarebbe facile citare numerosi altri esempi, tra i quali andrebbe certo menzionato il Primitivo dolce naturale di Attanasio, sicuramente in grado di reggere il confronto con i migliori VDN (Vins Doux Naturels) di Francia, come i Banyuls e i Maury del Roussillon.

A Sava la Vinicola Savese di Vittorio Pichierri produce un Primitivo in terracotta (i classici capasoni) davvero unico e sorprendente. Mi è capitato di assaggiarne uno di quasi mezzo secolo. Per chi dice che il Primitivo non può invecchiare.

------------------------------

Pubblicato in precedenza: Dici Primitivo e pensi alla Puglia, ma in California il cugino americano...

                                      La pluralità autoctona pugliese: antidoto al consumatore globalizzato

Tags:
primitivo gioia del colle manduria savaprimitivo guglielmo belleli polvanera fino esprimitivo vitigno california zinfandel
i blog di affari
Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
di Avv. Violante Di Falco *
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.