A- A+
PugliaItalia
Il Petruzzelli riduce gli esuberi La Regione dà il "la" decisivo

Il percorso verso il riassestamento dell'organico del Teatro Petruzzelli imbocca un tratto in discesa e riduce gli esuberi fino a 23 unità (erano 74 fino ad oggi) e Massimo Biscardi non nasconde il sollievo personale e quello di tutta la Fondazione: "In qualità di Sovrintendente della Fondazione Petruzzelli non posso che esprimere un sentimento di soddisfazione.

Biscardi sovrint Petruzzelli 3
 

"L’impegno garantito dalla Regione Puglia - aggiunge il Sovrintendente in una nota diffusa - a farsi carico dell’ulteriore incremento della propria partecipazione finanziaria nella Fondazione consentirà, secondo il Piano di sviluppo da me presentato, di conciliare le esigenze funzionali delle nostre attività costantemente in crescita  con le risorse finanziarie reperite. Risorse reperite sia all’interno del bilancio della Fondazione, frutto di razionalizzazione dei costi dei servizi e buona gestione, sia da quelle approvate nella scorsa notte - da parte della Regione Puglia - con l'istituzione del Fondo Speciale per la Cultura".

"L'iniziale dichiarazione di licenziamento collettivo di 74 unità lavorative - sottolinea Biscardi - vede una cospicua e notevole riduzione degli esuberi, che scendono a 23 unità. L’ulteriore disponibilità della Regione Puglia a concedere la CIG alle 23 unità in esubero dovrà essere ratificata dal Consiglio di Indirizzo della Fondazione Petruzzelli, che si riunirà dopo Natale".

Petruzzelli visita3
 

"Giova ricordare che il mandato ricevuto dal CdI della Fondazione - precisa il Sovrintendente - è sempre stato quello di tentare di risolvere positivamente la vicenda, andando a mitigare, ove possibile, i previsti iniziali 74 esuberi, compatibilmente con le reali esigenze funzionali aziendali, e con una copertura finanziaria adeguata garantita dai Soci".

"Pertanto - conclude - avendo raggiunto il punto di equilibrio finanziario in 23 unità in esubero, chiederò al CdI di esprimersi circa l’ipotesi, fino ad oggi non contemplata, di ricorso alla CIG a fronte dei preventivati licenziamenti".

Orc hestra del Teatro Petruzzelli ph Carlo Cofano
 

Anche il sindaco di Bari e presidente della Fondazione lirico sinfonica Teatri Petruzzelli di Bari, Antonio Decaro, interviene sulla riduzione degli esuberi del personale della Fondazione:  “Quando ho assunto nuovamente la carica di presidente della Fondazione Petruzzelli, l'ho fatto sapendo di prendermi la responsabilità di dover gestire la questione degli esuberi del personale della fondazione e oggi sono felice di poter dare a tanti di loro una speranza di futuro".

"Questo grazie all’attività di riorganizzazione interna - aggiunge Decaro - alla razionalizzazione dei servizi e delle spese della Fondazione, all'ampliamento del FUS e ai fondi regionali che dall'anno prossimo ci permetteranno di dare maggiori garanzie ai lavoratori della Fondazione del Teatro Petruzzelli che in questi due anni ha dimostrato di saper diversificare e ampliare la sua offerta e il suo pubblico lavorando per far crescere l'immagine e il lavoro del teatro e della sua struttura. Questo è un risultato importante anche dal punto di vista umano, perché quando le istituzioni riescono a salvare posti di lavoro, raggiungono un obiettivo fondamentale per il benessere della comunità”. 

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
teatro petruzzelli bari esuberi regione puglia la decisivomassimo biscardi michele emiliano antonio decaro esuberi petruzzelli ridotti
i blog di affari
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.