A- A+
PugliaItalia
Ilva, cronaca di una decisione annunciata. Emiliano furioso!

Come da previsioni, il ministro Carlo Calenda ignora il rilancio dell'offerta della cordata Jindal/AcciaItalia - per l'acquisto dell'Ilva - e opta per la proposta del gruppo Arcelor Mittal/Marcegaglia, nonostante il piano di riordino preveda un consistente pacchetto di esuberi nel numero di dipendenti lavoratori del colosso siderurgico italiano. Versione ufficiale: riaprire o indire un nuovo bando sarebbe stato troppo lungo e costoso.

Arcelomittal Marcegaglia
 

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, non nasconde rabbia e delusione: “Il ministro Calenda ha firmato il decreto di aggiudicazione del Gruppo Ilva, ignorando le richieste formulate dai sindacati di un ulteriore confronto. Ignorando, inoltre, i contenuti del rilancio operato dall'altra cordata e rinunciando di fatto a migliorare, attraverso una ulteriore competizione nell'interesse di ambiente e lavoratori, le proposte in campo. Rimangono degli interrogativi sospesi: quando avrà inizio l'opera di ambientalizzazione più volte rivista? Non entro il 30 settembre dal momento che sarà difficile che la commissione europea possa esprimersi entro quella data sulla potenziale sovraproduzione del gruppo Mittal". 

emiliano2 indice
 

"Chi assicura che Mittal non abbandoni l’operazione, nel caso in cui la Commissione europea ponga condizioni non più convenienti?", si chiede il Governatore pugliese, "Chi garantirà il mantenimento degli impegni occupazionali (già oggi assolutamente insoddisfacenti) nel caso in cui la commissione europea abbassi sensibilmente la produttività di Ilva?"

calenda carlo
 

 

E ancora: "È stato valutato il costo per la collettività del tempo necessario alla Commissione per esprimersi? Chi garantirà la continuità aziendale in questo lasso di tempo, che potrebbe essere anche lunghissimo?  E a che costo, visto il totale spregio del piano ambientale di fatto sospeso dalla firma del decreto?"

 

Jindal Ilva1
 

"Ancora una volta motivazioni imperscrutabili finiscono per ripercuotersi sulla comunità tarantina e pugliese", rincara Emiliano, "Nulla nella firma del decreto risulta razionale o anche solo logico. Nulla nella fretta indiavolata del ministro Calenda risulta aver, anche incidentalmente, valutato gli effetti della sua decisione sulla vita dei tarantini".

 

"Con una sola firma - conclude Emiliano - sono state mortificate le legittime aspirazioni di una città e di un asset strategico del paese. Uno sconcertante esempio di pressapochismo politico rischia di mettere la parola fine alla storia dell'Ilva e alla speranza di ambientalizzare il controverso simbolo di Taranto”.

(gelormini@affaritaliani.it)

-------------------------------

Pubblicato sul tema: Ilva, gioco di squadra in extremis tra Emiliano e Jindal/AcciaItalia

 

Tags:
ilva decisione annunciata governoarcelor mittalgruppo marcegagliamichele emilianofurioso ministrocarlo calenda
Loading...
i blog di affari
Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lotta contro il razzismo, l'ennesimo strumento di controllo del tecnocapitale
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.