A- A+
PugliaItalia

L’Associazione segnala alla Procura i Progetti SPRAR dei Comuni salentini di Parabita e Neviano

L'acuta emergenza di questi mesi non è solo nel numero degli sbarchi, ma nel cuore stesso della gestione dell’accoglienza, vitale nel lungo e complesso percorso dell'integrazione dei migranti nel nostro Paese.

Tutti gli operatori sociali, responsabili come noi, sono lì in prima linea a fronteggiare un fenomeno epocale, supportati sì dal Ministero dell’Interno, ma spesso in solitudine sul territorio, di fronte a pregiudizi, resistenze, ostacoli, se non ad aperte contrapposizioni con le stesse Amministrazioni Comunali, che hanno il compito di "ricevere" le somme stanziate dal Ministero dell'Interno e di traferirle agli Enti Gestori (Associazioni, Cooperative ecc.) che lo gestiscono di fatto.

Cuka Klodiana3
 

Amministrazioni talvolta insensibili e spesso "ipocrite" sul fronte dell'accoglienza. Questo è accaduto, nella nostra esperienza, anche in una Terra ospitale come il Salento, dove a fronte di Comuni "virtuosi" come Muro Leccese (piccola eccellenza nel Sistema SPRAR) o come il capoluogo salentino (dove con tanta buona volontà tutte le difficoltà sono state superate e si pensa già alla prosecuzione dei Progetti) vi sono Amministrazioni locali come Neviano e Parabita, con le quali si sono interrotti, in anticipo, i nostri Progetti di accoglienza, dopo mesi di malagestione e contrasti.

Quest'ultime, sono un esempio non solo negativo, ma anche emblematico di una "cattiva gestione" nei processi di integrazione, dove non si sono limitati all’ “indifferenza” per essere umani, sottratti a morte sicura, ma dove sono sembrati strumentalizzare la loro stessa sofferenza e con essa il sacrificio degli stessi operatori che li assistono quotidianamente.

Infatti in questi Comuni la Nostra Onlus ha fin qui assicurato, al meglio, il supporto e l’inserimento dei migranti, a fronte del mancato e/o ritardato pagamento delle spettanze dovute e rendicontate, non solo per il 2016, ma anche per il 2015.

Integra1
 

Tutte somme cospicue (quasi 300.000 euro), che Integra Onlus ha dovuto anticipare, con l'aumento del suo fido bancario (ad interessi esosi), per garantire tutto il necessario ai migranti, ma ora LA SITUAZIONE è DIVENUTA INSOSTENIBILE!

Le reiterate segnalazioni e denunce, presentate da Integra a tutti gli organi competenti, anche in sede giudiziaria, non sono state fin qui sufficienti, non solo per avere le somme stanziate dal Ministero in favore della Onlus e detenute dai Comuni, ma anche per conoscere se tali somme dedicate ai migranti, siano state incassate, ma poi dirottate su altri capitoli di bilancio dei suddetti Comuni, che costituirebbe OLTRE CHE UN DANNO UNA BEFFA!

Questa mancanza di liquidità e di forte esposizione bancaria porta all' interruzione stessa dei servizi di accoglienza, mettendo in pericolo la sopravvivenza degli Enti Gestori, specie per i più piccoli. Con la chiusura, anticipata, di questi progetti si mina così alle fondamenta non solo il tessuto umano di accoglienza di ESSERI UMANI, NON DI NUMERI, con le proprie storie drammatiche alle spalle e con tutti i loro sogni da realizzare, ma anche l'esistenza sofferta di tanti operatori italiani e non, che attendono da mesi le loro spettanze.

Integra2
 

Quindi l'Appello accorato che Integra lancia a tutte le Istituzioni, ai vari livelli, affinchè si affronti rapidamente tale complesso fenomeno, per evitare che ulteriori drammi si aggiungano ai drammi già patiti fin qui da tutti i Protagonisti del Sistema, per attivare in concreto LA CARTA DELLA BUONA ACCOGLIENZA, PER UNA ACCOGLIENZA RESPONSABILE, VIGILE E VIRTUOSA.

Da qui il Monito di Papa Francesco, affinchè la misericordia assuma particolare valore "Universale", accanto alla solidarietà verso i migranti, superando la sofferenza ed il disagio di tanti che chiedono alle Istituzioni di non essere abbandonati, restituendo ad essi fiducia e speranza, insieme a tutti gli uomini di buona volontà.

Integra Onlus

Iscriviti alla newsletter
Tags:
integra onlus salento klodiana cukaintegra tutela accoglienza salento parabita niviano
i blog di affari
Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.