A- A+
PugliaItalia
Jannis Kounellis per la Focara di Novoli 2015

Sarà Jannis Kounellis a modellare la Fòcara 2015. L’arte povera del noto scultore greco plasmerà la struttura portante dell’edizione 2015 del monumentale falò di legna che il 16 gennaio di ogni anno brucia nella terra di Novoli, nel cuore del Salento.

Kounellis si occuperà, sotto la direzione artistica di Giacomo Zaza, del progetto di installazione del falò, di una serigrafia e di un multiplo d’autore, ossia un’opera progettuale in tiratura limitata il cui contenuto farà stretto riferimento all’evento novolese. Inoltre, il Palazzo Baronale di Novoli accoglierà, nei “giorni del fuoco”, una sua installazione site-specific, mentre un libro realizzato ad hoc raccoglierà tutti i dettagli dell’intero progetto.

La festa del fuoco, dedicata a Sant’Antonio Abate e dove a fare da padrona è da secoli l’accensione della montagna di legna, sceglie, da alcuni anni, di legarsi in maniera diretta con l’arte contemporanea, venendo rilanciata anche come “FocarArte”, per tramite di un ricco progetto coordinato da Toti Carpentieri, e che ha visto nella passata edizione l’architetto e scultore giapponese Hidetoshi Nagasawa impegnato nel ruolo che il prossimo gennaio sarà di Kounellis.

focara1   ACCENSIONE DELLA FOCARA(1)
 

Per lo scultore greco la maestosità dell’opera che andrà a progettare è la forza della vita, simbolo emblematico della grandezza dell’uomo, il cui fuoco non interpreta la morte ma la rinascita. A comporre il monumentale falò dalla forma conica, sono circa 80 mila fascine di legna, posizionate ad una ad una per tramite del solo agire umano, da parte di volontari del posto che, mossi dallo spirito della devozione cristiana, per mesi lavorano alla realizzazione dell’opera. Su scale di legno poggiate sul falò che cresce, e che giocoforza si allungano con l’avanzare del lavoro, decine di volontari, nei giorni antecedenti alla festa, si predispongono in una sorta di fila indiana, mettendo in atto il “passamano” infinito delle fascine di legna.

Esempio emblematico di quel poco di ognuno che contribuisce a realizzare quel grande e maestoso che ogni anno è la Focara, entrata ormai nel patrimonio Unesco. Il suo fuoco è per i novolesi un atto propiziatorio, che prendendo forma nei primi giorni dell’anno, accoglie le speranze di un futuro di salute e prosperità. Raccogliendo a sé storia, tradizione, religione e folklore, l’evento è destinato a lasciare, ogni anno, un segno indelebile tra le più belle pagine della storia del Salento.   

Iscriviti alla newsletter
Tags:
kounellisnovolifocaragennaio
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.