A- A+
PugliaItalia
La Gazzetta del Mezzogiorno dissequestrata torna a Ciancio Sanfilippo

Difficile da dire se la notizia sia una ‘buona nuova’, per La Gazzetta del Mezzogiorno, ma senza dubbio solleva il simulacro sulle controverse involuzioni, i tentennamenti e le pantomime relativi ai probabili acquirenti del giornale, che nei mesi scorsi hanno accompagnato la crisi del quotidiano pugliese. L’ipotesi che potesse verificarsi quanto si palesa con la sentenza odierna era più che fondata.

Ciancio Sanfilippo3

Secondo quanto riportato dal quotidiano catanese ‘La Sicilia’, la Corte d'appello di Catania ha disposto il dissequestro di tutti i beni di Mario Ciancio Sanfilippo, che era stato deciso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale. Tra le motivazioni dei giudici di secondo grado vi è la "mancanza di pericolosità sociale" dell'editore e imprenditore". Tra i beni dissequestrati anche le società che controllano i quotidiani La Sicilia e La Gazzetta del Mezzogiorno e le emittenti televisive Antenna Sicilia e Telecolor.

Per la Corte d'appello di Catania il decreto impugnato "Va conseguentemente annullato" perché, scrivono i giudici nelle 117 pagine della sentenza motivata, "non può ritenersi provata l'esistenza di alcun fattivo e consapevole contributo arrecato da Ciancio Sanfilippo in favore di Cosa Nostra catanese".

gazzetta del mezzogiorno

Scrive ancora la Corte "Non può ritenersi provata alcuna forma di pericolosità sociale, né è risultata accertata e provata alcuna sproporzione tra i redditi di provenienza legittima, di cui il preposto e il suo nucleo familiare potevano disporre, e la liquidità utilizzata nel corso del tempo.

Contro il decreto della Corte d’appello di Catania la Procura generale potrebbe, comunque, presentare reclamo in Cassazione e chiedere, ad un altro collegio giudicante, il 'congelamento' dell’esecutività del dissequestro.

Tra i primi commenti quello del sindacato dei giornalisti, in una nota congiunta della Fnsi e delle Associazioni regionali della Stampa di Sicilia, Puglia e Basilicata: “Il dissequestro dei beni di Mario Ciancio Sanfilippo, fra cui rientrano anche i quotidiani La Gazzetta del Mezzogiorno di Bari e La Sicilia di Catania e le emittenti Telecolor e Antenna Sicilia, disposto dal tribunale di Catania, restituisce la gestione delle testate al loro editore”.

Gazzetta Night

“Si chiude così il lungo periodo di amministrazione giudiziaria, cominciato il 24 settembre 2018 - spiega il sindacato - che ha acuito i problemi delle testate producendo gravi ripercussioni sull'organizzazione delle redazioni, sugli organici e sulle retribuzioni di giornalisti e maestranze. Adesso è necessario che l’editore riprenda in prima persona le redini delle aziende, avviando una politica di rilancio all’insegna di una profonda discontinuità gestionale e manageriale”.

“Nel quotidiano bollettino di notizie tragiche e drammatiche, una speranza di ripartenza - per i giornalisti, i poligrafici, i lavoratori tutti e le intere comunità pugliese e lucana - arriva dal dissequestro della Gazzetta del Mezzogiorno”, dichiara Peppino Longo Vice presidente del Consiglio Regionale pugliese, “Temo sia presto per cantare vittoria, ma uno dei più importanti quotidiani del Sud finalmente, dopo mesi di Purgatorio, può vedere una luce in fondo al tunnel. Paragonare la carta stampata, se di qualità, a quell’ingorgo di notizie che, soprattutto in questo drammatico momento, è ampiamente rappresentato in Rete, non solo è controproducente per la formazione del pensiero dei lettori-fruitori, ma è assolutamente dannoso”.

Gazzetta Mezzogiorno5

“Da qui la necessità e il dovere, per una Puglia che vuole guardare al futuro - continua Longo - di difendere con le unghie e senza remore, le migliaia di copie quotidiane che la Gazzetta del Mezzogiorno ci consegna regolarmente anche in questo momento complesso. La Gazzetta in quest’ambito deve restare baluardo della verità e sostegno a quella nuova ed essenziale visione di modernità, e tutti i pugliesi e i lucani hanno il diritto dovere di lottare affinché, anche in seguito alle notizie giunte da Catania, questo patrimonio comune possa ripartire verso ambiziosi traguardi”.

Gazzetta Perotti

“Mi auguro che il dissequestro della Gazzetta del Mezzogiorno e degli altri beni dell’editore Ciancio disposta dalla Corte d’Appello di Catania possa consentire allo storico quotidiano pugliese di allontanare definitivamente il rischio di chiusura e di riprendere pienamente il proprio ruolo di guida dell’informazione regionale”, scrive in una nota il deputato barese del Pd, Alberto Losacco.

“Come non ci siamo mai stancati di ripetere in questi mesi, è impensabile un panorama informativo della Puglia e del Mezzogiorno senza la Gazzetta. Speriamo quindi - chiosa Losacco - che da qui possa ripartire, per continuare a scrivere nuove pagine della sua storia, sempre al servizio del territorio e della buona e libera informazione”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Loading...
Commenti
    Tags:
    gazzetta mezzogiorno corte appello catania tornamario ciancio sanfilipposicilia giornale dipendentipeppino longoalberto losaccofnsi
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Naspi: dimissioni, fine contratto, licenziamenti. I casi in cui si ha diritto
    di Gian Paolo Valcavi
    Ascolti tv, la d’Urso pronta a ripartire con quattro programmi da settembre
    Francesco Fredella
    Fase 3, Conte: "Ci meritiamo il sorriso", ma lavoratori e imprese piangono
    Di Diego Fusaro
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.