A- A+
PugliaItalia
La Puglia plurale al Salone del Libro: 'A Torino la sfida di una regione viva'

Ventidue case editrici, oltre cinquanta appuntamenti, duecento ospiti tra scrittori, editori, giornalisti, attori, professionisti, quattro festival dedicati alla lettura. Sono questi i numeri della Regione Puglia alla 30esima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino (Lingotto Fiere, via Nizza 280, Padiglione 2) in programma fino al 22 maggio. 

SALONE DEL LIBRO   STAND PUGLIA 3
 

“Oltre il confine” il tema che la Puglia indagherà al Salone torinese, avvalendosi dello sguardo prezioso di chi abita il territorio o, più semplicemente, lo ha attraversato. 

Il presidente della Regione, Michele Emiliano, guida la nutrita delegazione e dichiara: “Il tema scelto per questa edizione del Salone del Libro di Torino è Oltre il confine. Un tema intimamente collegato alla nostra Regione, terra di partenza e arrivi, tra Oriente e Occidente, che ci esorta a superare noi stessi, a guardare lontano".

"Partecipiamo a questo Salone da protagonisti - aggiunge il Governatore - portando a Torino il nostro patrimonio di autori, editori, storie e ispirazioni legate al mondo della lettura.. Dopo il grande successo dello scorso anno, la Puglia è pronta a lasciare il segno anche in questa edizione. Il Salone del Libro è un momento speciale per condividere con un pubblico ampio le nostre energie migliori, per metterle a sistema e aumentare l'attrattività di una regione come la Puglia, terra non solo di straordinari scrittori, ma anche luogo ideale da visitare, per chi ama leggere circondato da bellezza e autenticità”.

Dialoghi carofiglio
 

Da Gianrico Carofiglio a Mario Desiati, Carlo Bruni, Francesco Marocco, Alessio Viola, Nunzia Antonino, Eduardo Kovalivker, Rosa De Feo, Nadia Boccacci, Clara Nubile, Vito Antonio Leuzzi, Raffaele Pellegrino, Danilo Sbrana, Alketa Vako e tanti altri. Un programma intenso che la Regione ha realizzato in collaborazione con i Distretti produttivi regionali Puglia Creativa e Dialogoi, Ape (Associazione degli editori pugliesi) e Presìdi del libro, e che a Torino porterà il sistema culturale pugliese.

“La lettura e la vita non sono due universi ma uno, ha scritto Italo Calvino. La Puglia - dice l'assessore all'Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone - su questo deve lavorare ancora molto. Partiamo da un gap significativo che riguarda l'Italia intera rispetto al resto del mondo. Per questa ragione stiamo lavorando a un grande progetto: un Piano regionale della Lettura. La Regione vuole svolgere un'attività capace di andare in profondità, utilizzando il cinema, il teatro, lo spettacolo dal vivo, per interessare i ragazzi, che sono la fascia che meno risponde oggi all'input della lettura, e le famiglie. Non più singole manifestazioni estemporanee ma una politica, un piano organico, che attraversi e dialoghi con le comunità. In quest'ottica il Salone del Libro di Torino sarà terreno fertile per confrontarsi, interrogarsi e comprendere come fare ancora meglio”.

Emiliano ciaky Capone
 

Tra gli eventi di punta dello spazio Puglia, infatti, la presentazione del Piano regionale e l'anteprima nazionale del Piano Strategico della Cultura della Puglia, "Piiil (Prodotto, Identità, Innovazione, Impresa, Lavoro) Cultura Puglia" in un dialogo creAttivo del Presidente Emiliano con curatori, artisti, attori del sistema culturale pugliese sui principi e sul metodo di costruzione del Piano.

“La Puglia -  aggiunge l'assessore - racconterà la sua sfida, una sfida che la Regione vuole vincere insieme ai Comuni, alle imprese e alle associazioni culturali, agli editori, al mondo della scuola e dell'Università. Perché se è vero che siamo la terra dei grandi scrittori è altrettanto vero che continuiamo a restare al margine delle classifiche nazionali per la percentuale di lettori e per lo stato delle nostre biblioteche, gli orari di apertura al pubblico, la qualificazione e motivazione dei dipendenti. Proprio le biblioteche pubbliche, invece, rappresentano un servizio essenziale per le nostre comunità. La biblioteca è una città nella città, un posto per famiglie, un incubatore di processi di inclusione e di coesione sociale, un luogo capace di stimolare lettura e cultura insieme a cittadinanza e democrazia”.

Dialoghi salone
Patruno Aldo
 

La partecipazione regionale si arricchisce, inoltre, dell'esperienza dei Festival pugliesi del settore: dal Buck Festival di Foggia, il Festival della Letteratura per ragazzi, a I Dialoghi di Trani che organizzano la lectio magistralis dello scrittore Gianrico Carofiglio (sabato 20 maggio, ore 15, Sala Gialla), a Il Piccolo Festival della Parola di Noci, crossover tra parola e linguaggi artistici, al Festival della Letteratura di Lecce.

“Una presenza mai formale o celebrativa quella della Regione Puglia - rilancia Aldo Patruno, Direttore del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione - che a Torino, dopo essere stata Regione ospite d'onore lo scorso anno, si presenta avendo fatto i compiti a casa: sviluppo di un ampio percorso partecipativo per la costruzione del Piano Strategico Regionale della Cultura ormai pronto e attivazione di una serie di azioni work-in-progress sulla Cultura che cubano oltre 50 milioni di euro nel prossimo triennio. Avendo come faro la formazione del pubblico, a partire dai lettori, e il sostegno concreto alla domanda culturale e non più solo all'offerta”.

SALONE DEL LIBRO   STAND PUGLIA
 

Un'occasione importante per la Puglia e i pugliesi che la Regione ha voluto cogliere. A poche ore dall’inizio del Salone Internazionale del Libro 2017, inaugurato dal presidente del Senato, Pietro Grasso, e dai ministri dell’Istruzione, Valeria Fedeli, e dei Beni culturali, Dario Franceschini, le rilevazioni indicano che le prenotazioni negli hotel torinesi hanno già raggiunto lo stesso tasso di occupazione delle camere del 2016, con facile previsione che i dati finali li supereranno di lungo. Il boom riguarderà anche le scuole: la quota di 12mila ragazzi, prenotati per la visita al Lingotto e annunciata dieci giorni fa, ha superato ieri la soglia dei 20mila.
 

Secop TO
 

Gli editori pugliesi al Salone di Torino:
Adda Editore, Besa editrice, Cacucci Editore, Capone Editore, Claudio Grenzi Editore, Di Marsico Libri, Editrice Rotas, Edizioni Dal Sud, Edizioni Giuseppe Laterza, Edizioni La Meridiana, FalvisionEditore, Gelsorosso, Giazira Scritture, Kurumuny, LesFlaneurs Edizioni, Pensa Multimedia, Pietre Vive, Progedit, Schena Editore, Secop Edizioni, Stilo Editrice, Edizioni Sury, WIP Edizioni.

Il Salone del Libro di Torino 2017 è aperto tutti i giorni dalle 10,00 alle 20,00 mentre dopo le 20,00 prenderanno il via gli eventi del Salone Off, dislocati in tutta la città. I biglietti di entrata si possono acquistare anche online. Ingresso: intero 10 euro, il ridotto per gruppi di almeno 25 persone e giovani dai 7 ai 18 anni costa 8 euro, mentre per i bambini dai 3 ai 6 anni si pagherà 2,50 euro. I biglietti ridotti sono anche disponibili per altre categorie come militari, possessori di Tessera Torino+Piemonte Card, disabili, over 65, universitari, Soci Touring Club Italiano e insegnanti.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
puglia regione salone libro torino viva autori editori plurale fermenti
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.